Qualcuno mi può giudicare non certo tu; la luce del cattolicesimo nell’oscurità di tutto il resto

966

“Date retta a me, vecchio incredulo che se ne intende: il capolavoro della propaganda anti-cristiana è l’essere riusciti a creare nei cristiani, nei cattolici soprattutto, una cattiva coscienza; a instillargli l’imbarazzo, quando non la vergogna, per la loro storia. A furia di insistere, dalla riforma sino ad oggi, ce l’hanno fatta a convincervi di essere i responsabili di tutti o quasi i mali del mondo. Vi hanno paralizzato nell’autocritica masochista, per neutralizzare la critica di ciò che ha preso il vostro posto. Femministe, omosessuali, terzomondiali e terzomondisti, pacifisti, esponenti di tutte le minoranze, contestatori e scontenti di ogni risma, scienziati, umanisti, filosofi, ecologisti, animalisti, moralisti laici: da tutti vi siete lasciati presentare il conto, spesso truccato, senza quasi discutere. Non c’è problema o errore o sofferenza nella storia che non vi siano stati addebitati. E voi, così spesso ignoranti del vostro passato, avete finito per crederci, magari per dar loro manforte. Invece io (agnostico, ma storico che cerca di essere oggettivo) vi dico che dovete reagire, in nome della verità. Spesso, infatti, non è vero. E se qualcosa di vero c’è, è anche vero che, in un bilancio di venti secoli di cristianesimo, le luci prevalgono di gran lunga sulle ombre. Ma poi: perché non chiedere a vostra volta il conto a chi lo presenta a voi? Sono forse stati migliori i risultati di ciò che è venuto dopo? Da quali pulpiti ascoltate, contriti, certe prediche?”
Léo Moulin

Annunci


Categorie:Attualità cattolica, Cortile dei Gentili

Tag:

6 replies

  1. In pratica ha vinto la massoneria, seppellendo il cattolicesimo sotto una montagna di calunnie e storie inventate o travisate ad arte, soprattutto a partire dalla rivoluzione francese in poi.
    Una per tutte per smentire:
    Secondo le calunnie massoniche ed illuministe, i cattolici, spagnoli e portoghesi battezzavano con la forza i nativi americani e/o orientali, imponendo la loro religione cattolica.
    Il vero motivo invece, per il quale si battezzavano gli indigeni era:
    per dimostrare ai monarchi e agli schiavisti laici europei, che gli indigeni non erano dei sub umani, ma delle creature di Dio al Pari degli europei.
    Insomma li si battezzava per sottrarli alla schiavitù e alla sopraffazione di quegli europei che si consideravano esseri superiori ai nativi americani.
    Saluti da Vincenzo.
    Bravo Léo Moulin.

    Mi piace

  2. L’altro giorno a Torino coi valdesi abbiamo perso un’altra occasione.

    Mi piace

  3. Questa frase secondo me andrebbe stampata e affissa sulle bacheche di tutte le chiese dell’orbe cattolico.

    Giusto per fare un esempio (ma ce ne sarebbe da parlare per ore), poco fa mi sono casualmente imbattuto in questa domanda su Answers
    https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20150323031220AATeNUA
    alla domanda di Tizio “perchè in Corea del sud ci sono milioni di cattolici?”, Caio si è sentito in diritto di rispondere “la Corea del sud ha molti cattolici perché le violente missioni cristiane trucidarono i popoli autoctoni distruggendo le religioni locali”.
    Al che, mi sono proprio incazzato (e scusate il francesismo). Perché quella di Caio è una cazzata (altro francesismo, pardon) di dimensioni siderali, lontana anni luce dalla verità. Io non sono un grande esperto del cattolicesimo orientale, ma conosco quanto basta la storia del cattolicesimo coreano. Personalmente nutro infatti una particolare stima per la Chiesa coreana, perchè è l’unica Chiesa cattolica nata per iniziativa dei laici
    https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_cattolica_in_Corea#Storia
    Bastava leggersi questa paginetta di Wikipedia per sapere che in Corea non c’è mai stato nulla di lontanamente paragonabile alle violente missioni cristiane che annientarono le religioni indigene, e che anzi furono i cristiani stessi ad essere violentemente perseguitati.
    Eppure Caio non ha avuto nessun problema ad affermare pubblicamente che il cattolicesimo coreano è nato in seguito a “violente missioni cristiane che trucidarono i popoli autoctoni distruggendo le religioni locali”.
    Perchè l’ha fatto? Perchè sicuramente lui, come moltissimi altri, è affetto da quella percezione della storia talmente distorta da considerare la Chiesa Cattolica come la più grande associazione criminale di tutti i tempi.

    Non c’è dubbio che Bruno fu messo al rogo dai cattolici. Ma non è neppure dubbio che Serveto fu messo al rogo dai calvinisti, che Moro fu decapitato dagli anglicani, e che Florenskij fu fucilato dagli atei. Eppure questi ultimi non vengono mai citati, e così sembra che i cattolici siano stati nel corso dei secoli statisticamente più cattivi degli altri.
    E’ questo è davvero un mirabile capolavoro della propaganda anti-cristiana. “L’essere riusciti a creare nei cristiani, nei cattolici soprattutto, una cattiva coscienza; a instillargli l’imbarazzo, quando non la vergogna, per la loro storia” ha provocato e provoca danni incalcolabili alla Catholica.

    Giustamente Orwell diceva che “chi controlla il passato controlla il futuro, chi controlla il presente controlla il passato”.

    Liked by 1 persona

  4. trovo che l’estensore delle righe qui su abbia ragione da vendere e mi rincuora per tutte le amarezze che mi procurano i molti tentativi di autoflagellazione che i rappresentanti della MIA CHIESA si prodicano a pronunciare ad ogni piè sospinto. Ringrazio anche FRANCESCHIELLo di cui condivido in pieno l’intemerata anche se condita con francesismi che cmq ci vogliono! Grazie per l’ospitalità e bye IUGEEN

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: