Aforisma sonoro /02 – Davide Van des Sfroos, Dalì

 

Archeological Reminiscence of Millet’s “Angelus”, 1933-35 - Salvador Dalì

Archeological Reminiscence of Millet’s “Angelus”, 1933-35 – Salvador Dalì

Ninna nanna, dorma fiöö                                       Ninna nanna, dormi figlio mio
El tö pà el g’ha un sàcch in spala                         Tuo padre ha un sacco in spalla
E’l rampèga in sö la nöcc                                        e s’arrampica sulla notte.
Prega la löena de mea fäll ciapà                            Prega la luna che non si faccia prendere
Prega la stèla de vardà in duvè che’l va              Prega la stella che guardi dove va
Prega el sentèe de purtàmel a cà                          Prega che il sentiero me lo riporti a casa

Ninna nanna, dorma fiöö                                        Ninna nanna, dormi figlio mio
El tö pà el g’ha un sàcch in spala                          Tuo padre ha un sacco in spalla
Che l’è piee de tanti ròpp:                                       pieno di tante cose:
El g’ha deent el sö curàgg                                        e ha dentro tutto il suo coraggio,
El g’ha deent la sua pagüra                                      ha dentro la sua paura
E i pàroll chè l po’ mea dì                                         e le parole che non può pronunciare

Ninna nanna, dorma fiöö…                                     Ninna nanna, dormi figlio mio
Che te sògnet un sàcch in spàla                             che sogni un sacco in spalla
Per rampegà de dree al tò pà                                   per arrampicare dietro tuo padre
Sö questa vita che vìvum de sfroos                       in questa vita che viviamo di frodo,
Sö questa vita che sògnum de sfroos                    in questa vita che sogniamo di frodo,
In questa nòcc che prègum de sfroos                    in questa notte che preghiamo di frodo,

Prega el Signuur a bassa vuus                                  Prega il Signore a bassa voce
Cun la sua bricòla a furma de cruus                       con la sua bricolla a forma di croce.

Traduzione di Minstrel

Annunci


Categorie:Aforismi

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 replies

  1. negli anni 60 studiavo a Bergamo e mi ricordo bene “degli spalloni” ,dei loro sacrifici e dei loro rischi,non vanno dimenticati,oggi la più parte attraversa i confini con i telefoni moderni all’orecchio e con i capitali nascosti nelle vetture

    Mi piace

    • Non ricordavo avessi studiato dalle mie parti Don!
      Sull’epopea degli spalloni c’e ne sarebbe da dire. Qui, al di là degli aspetti morali contra legemo degli aspetti materiali della miseria che spingeva a questo, trovo la canzone un capolavoro perché tratteggia in modo delicatissimo l’aspetto di fiducia della madre e del bambino nonostante sappiamo della fragilità della loro vita e dei loro destini; fiducia basata sul fatto che il primo “spallone” fu il Signore stesso.
      Poi mi ha sempre fatto specie che quando il contrabbando cominciò ad essere davvero estraneo alla legge naturale (leggasi: dai generi di prima necessità alle droghe o soldi), tale attività non fu più fatta dai poveri contadini del lago di Como. Non fu solo bontà d’animo, intendiamoci: nuova tecnologia, il franco che saliva rispetto alla Lira, organizzazioni criminali internazionali che si mettono in mezzo… fatto sta che quanto meno tutto il sapore romantico scompare, come tu fai notare, dietro le porsche nuove fiammanti che percorrono i confini.
      Qui un bell’articolo: http://www.labissa.com/franco-cavalleri/item/15449-sfrosaduur-e-burlanda-contrabbando-nell-alto-lario

      Mi piace

  2. Caro Minstrel,conosco Bergamo e dintorni,detti l’esame di Stato al Sarpi nel 1965,ebbi validi professori,l’Amodei,poi Vescovo,don Bravo,Marco Nozza ecc.e sono ancora legato a quella terra,gli alpini mi hanno costruito alla missione una grande e importante sala polivalente,un alpino é rimasto alla missione.Il nostro fondatore e animatore,segretario di Mons.Abele Conigli,era di Branico,Costa Volpina.Anche Brescia come Provincia e per mano del defunto don Pasini di Cuore Amico,mi conobbe di persona e mi aiutò moltissimo,nonostante che alcuni colleghi del luogo mi avessero presentato come “quel prete comunista siciliano”.Il Cardinale Tonini ci ha seguiti fino alla morte e anche i tedeschi che avevo conosciuto in gioventù a Friburgo.Il libro che ho scritto in memoria di Mons.Abele Conigli,il quale ordinò anche Angelo Scola nel mio anno 1970,parla di questa figura di Pastore autentico ed anche della missione,rose e spine.Qualcuno di Croce Via,mi scrisse di volermi dare una mano,ma poi ci ha ripensato.Il Signore non ci ha fatto mancare la sua presenza e dopo 7 anni di dure prove,siamo tornati alla luce e alla serenità.Se vuoi ti mando il libro,su Mons.Abele Conigli,che il Cardinale Vallini,profondo conoscitore e seguace di Padre Abele,ha molto apprezzato.un fraterno saluto.Non ho l’email.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: