Radio Crocevia: la playlist dei capolavori (Venerdì di Passione) – 05

zuzenean

Iscriviti alla playlist di Radio Crocevia!

In memory to “il desiderio di Claudio di saperne di più
che dopo aver visto cosa ha creato si sarà certamente nascosto”

2.

Continuiamo con Bach e il meraviglioso Ruht wohl ihr heiligen gebeine, penultimo coro del capolavoro che è la Johannes Passion.

Il repertorio di Bach ha (per dirla con i Van der Graaf Generator) “a grounding in numbers”, un legame viscerale, perché fondante, con il numero. Un concetto di sofisticata proporzione va a creare una base fitta e apparentemente impenetrabile che, però, osservata con un punto di…fuga si spiega su se stessa, rivelando la meraviglia del cosmo.

Bach è un figo, casomai ci fosse bisogno di ricordarlo nel XXI secolo! Come tutti i fighi, è figo anche per contraddizione, tanto è vero che il brano scelto è da molti considerato un paradosso bachiano.
In questo “Ruht wohl” il rigore matematico lascia spazio alla dolcezza con cui sono condotte le parti vocali e strumentali. Ci troviamo negli ultimi momenti della Passione secondo Giovanni, ormai tutto è compiuto, un turbinìo di emozioni ha scosso la storia della musica e dell’intera avventura umana per un’ora e mezza: cori frenetici, arie riflessive, recitativi fortemente teatrali e corali con vette meditative inesplorate hanno fatto scaturire ogni tipo di emozione. E ora che la polvere si sta ridepositando sul palcoscenico, ecco che affiora questo disarmante e incantevole passaggio. C’è sofisticatezza ma non ricercatezza, e la consueta impalcatura armonica lascia spazio ad una melodia struggente. “Riposino in pace i tuoi santi resti” è una ninna nanna, letteralmente, fatta di atmosfere rarefatte, strazianti e composte allo stesso tempo. L’incedere lento e solenne del coro dà quasi uno scandire processionale; l’orchestra più che essere di accompagnamento sembra piangere attorno al tema vocale, per mezzo di piccole frasi discendenti. Ma siamo in 3/4 e la percezione è quella di una danza lieve, non di un corteo funebre; i flauti e gli oboi si muovono all’unisono coi violini primi, lasciando i soli secondi e viole a fare da contraltare,   tutto è allegferito verso l’alto, il pianto dell’orchestra non è certo un singhiozzo angoscioso, il dolore e la sua consolazione sono legati in un unico indissolubile abbraccio.
In fondo, questo è il potere della ninna nanna di Bach: far piangere e insieme asciugare le lacrime.

E con questo è tutto, se siete non vi siete ancora sciolti ci risentiamo domani.

Stay tuned!

Annunci


Categorie:Sacra Arte

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: