«Traditionis Custodes»: Il Concannaggio Di Un Lame Duck

Vi inseriamo un articolo tradotto dal blog francese Benoit-et-moi (“Benedetto ed io”) per la semplice ragione che offre l’analisi di un bloggista (The Wanderer) che corrisponde perfettamente con il nostro sentire portando elementi nuovi non ancora discettati da noi.

(Traduzione del DeepL grassetti miei.)

In Pace


In politica, c’è un’espressione spesso sentita e temuta per coloro che sono al potere: l’anatra zoppa [“the lame duck”, SdC], che si riferisce a un’anatra che non è in grado di tenere il passo con lo stormo e quindi diventa un bersaglio per i predatori. Questo soprannome viene dato anche a un leader che, per vari motivi, tra cui il fatto che si avvicina alla fine del suo mandato, ha perso il potere. E il modo più chiaro per identificare un’anatra zoppa è vedere la reazione dei suoi amici: quando lo lasciano solo, quando il gregge lo abbandona, è un segno inequivocabile che il povero palmipede è senza fiato. [1].

Questo è quello che sembra accadere con Papa Francesco: la sua zoppia non è solo l’effetto della sciatica, è anche l’effetto della perdita di potere dovuta alla gestione catastrofica del suo pontificato e ai segni molto chiari che la sua fine è vicina. È molto sintomatico che nientemeno che Andrea Riccardi, figura di spicco della Comunità di Sant’Egidio, abbia pubblicato un libro intitolato La Chiesa brucia. Sembra che la peronizzazione portata da un papa peronista abbia anche il suo lato oscuro, perché si dice che i peronisti accompagnano i loro compagni fino alla porta del cimitero, ma non vi entrano, ed è esattamente quello che sta succedendo.

Il Papa è solo
Uno degli errori più gravi che un leader che soffre della sindrome dell’anatra zoppa può fare è quello di dare ordini universali troppo duri, perché rischiano di essere disobbediti e quindi rivelano la sua debolezza. E questo è esattamente ciò che sembra accadere con Papa Francesco dopo la pubblicazione del motu proprio Traditionis custodes. Finora, l’unico appoggio chiaro e universalmente noto che ha ricevuto è quello del vescovo Ángel Luis Ríos Matos di Mayagüez, Porto Rico, che ha emesso un esilarante decreto in cui avverte che, sebbene la messa tradizionale non sia celebrata nella sua diocesi, la bandisce comunque e, già che c’è, coglie anche l’occasione per bandire l’uso della casula romana, le tovaglie di lino e il velo omerale. Una disposizione simile è stata fatta dai vescovi del Costa Rica. I tiranni generano tirannie patetiche, e Bergoglio ha generato innumerevoli vescovi mediocri che popoleranno tristemente i prati di Asfodelo (è curioso che nelle foto che si trovano facilmente su internet, il vescovo Rios Matos appare sempre vestito con tutti gli ornamenti episcopali possibili). Non so perché, mi ricorda il romanzo di Evelyn Waugh, Black Mischief [2].

Il sito Rorate Coeli elenca le messe bandite dai vescovi. Vedremo cosa succederà, ma finora le reazioni sono state quelle che avevamo previsto su questo blog qualche giorno fa, anche se devo ammettere che sono stato sorpreso dalla velocità e dalla chiarezza con cui hanno reagito i vescovi francesi, inglesi e americani.

La Conferenza Episcopale Francese, con le sue circonlocuzioni tipicamente galliche, ha lanciato la palla nel campo. Per loro, non si tratta di discutere la lex orandi o la lex credendi della chiesa di Papa Francesco, ma del fatto che il motu proprio li invita a riflettere sull’importanza dell’Eucaristia nella vita della Chiesa, e che a settembre, dopo le vacanze, si riuniranno a questo scopo.

Allo stesso modo, il vescovo di Versailles, dove ci sono grandi comunità tradizionaliste, ha già fatto sapere per iscritto che le cose rimarranno come sono nella sua diocesi, così come l’arcivescovo di San Francisco non appena il documento sarà pubblicato, seguito da molti altri vescovi americani – per esempio l’arcivescovo di Cincinatti – che hanno fatto sapere più discretamente ai preti e ai fedeli vicini al rito tradizionale che non faranno alcun cambiamento nonostante gli ordini papali.

In Inghilterra, la maggior parte dei vescovi ha fatto lo stesso: non appena il motu proprio è stato pubblicato, essi stessi hanno annunciato in modo ufficiale e sigillato che non ci sarebbe stato alcun cambiamento alla Messa tradizionale nelle loro diocesi. E ciò che è curioso è che, per la maggior parte, che siano francesi, americani o inglesi, non sono vescovi con particolari simpatie tradizionaliste, ma vescovi con tendenze chiaramente liberali. Perché allora questa reazione, così rapida, così chiara e così contraria ai desideri evidenti del Papa?

Possiamo solo speculare sulla risposta, ma possiamo suggerirne alcune. Se una cosa è chiara, è che questi vescovi non hanno più paura della “misericordia papale”, cosa che senza dubbio sarebbe avvenuta in passato. Ed è un chiaro segno della sindrome dell’anatra zoppa: Francesco potrebbe rimuovere l’arcivescovo di San Francisco, Salvatore Cordileone, dal suo incarico? Non ha più la forza di farlo.

L’episcopato americano è molto arrabbiato con il Papa e la minaccia di “misericordia” per la mancata applicazione del motu proprio sarebbe combattuta dalla Conferenza episcopale. La dichiarazione dei vescovi francesi, anche se dà l’impressione ad alcuni di lavarsene le mani, è una specie di corazza: qui si rifletterà sull’Eucaristia, dicono, e per i divieti, ogni vescovo vedrà cosa fa. E abbiamo già visto cosa fanno: non vietano nulla.

Questo è proprio il nocciolo del problema: i vescovi di entrambe le sponde dell’Atlantico non vogliono iniziare una guerra inutile. Nelle loro diocesi, grazie al Summorum Pontificum, la pax liturgica era stata raggiunta. Le cose funzionavano, e funzionavano bene; le ideologie, tranne in rari casi, erano scomparse. E la crescita costante delle comunità, dei sacerdoti e delle vocazioni tradizionaliste era già vista come una benedizione e non come un pericolo, esattamente il punto di vista opposto a quello presentato da Bergoglio nel suo documento. Sul terreno, nelle diocesi, gli unici che funzionano più o meno bene sono i gruppi liturgici tradizionali. In Europa, sterminare la messa tradizionale sarebbe come importare “curas de misa y olla” direttamente dall’Africa [3].

Se ogni documento giuridico deve essere interpretato secondo lo spirito del legislatore, ciò che emerge dal motu proprio è che Papa Francesco vuole evitare di rompere l’unità in materia liturgica. Così, in tutta legittimità e tranquillità, i vescovi che giudicano che, nelle loro diocesi, la diversità liturgica del Rito Romano non pone problemi e non rompe l’unità, possono ignorare la norma. Più francamente, la maggior parte dei vescovi non ha alcun desiderio di impegnarsi in una guerra che esiste solo nella mente di Bergoglio e dei suoi ideologi a gettone, questa volta Andrea Grillo. Come ha scritto giustamente Tim Stanley sullo Spectator, sembra di vivere negli anni di Leonid Brezhnev in Unione Sovietica: un governo di geronti, aggrappato a una vecchia fotografia logora che rappresenta la situazione di un paese che non esiste più.

È inconcepibile che la Chiesa latina sia caduta negli ultimi due secoli in un iperpapalismo così estremo da permettere manifestazioni come Traditionis custodes, in cui il Papa di Roma interferisce così tanto in ogni diocesi da dire al vescovo quali parrocchie può o non può erigere. Questo è impensabile nella chiesa medievale e impensabile nella chiesa orientale. Come dice il cardinale Müller nella sua imperdibile lettera, i vescovi sono posti come pastori e “non sono semplici rappresentanti di un ufficio centrale, con possibilità di promozione”.

La lettera del cardinale Müller smonta inoltre i trucchi teologici su cui Bergoglio ha cercato di costruire il suo motu proprio, spiegando, per esempio, cosa significa lex orandi – lex credendi e non, e mostrando le assurdità bergogliane. Questo è un fatto storico: nel 1646, Papa Innocenzo X, su istigazione dei gesuiti, soppresse (riduzione era il termine usato) la fiorente congregazione di maestri che era stata fondata da San Giuseppe Calasanz – i piaristi – per mezzo dello scritto Ea quae pro felici. Non appena si è saputo, sono sorte delle critiche. Ingoli, segretario di Propaganda fidei, vedendo il documento stampato disse: “In un altro pontificato potrebbero usarlo come tappo per le pentole”, e padre Orsini, internunzio di Polonia, scrisse: “È un Breve fatto con l’accetta… Non dubitate… che in un altro pontificato sarà cancellato”. E infatti, questo è ciò che è successo.

In breve, Bergoglio soffre della sindrome dell’anatra zoppa. Con la pubblicazione della Traditionis custodes, si è molto screditato e ha accelerato il declino e la fine del suo catastrofico pontificato.

Apostille: La durezza e l’ironia della lettera del cardinale Müller si unisce alle espressioni di ripudio di Bergoglio da altre parti. Michel Onfray, il popolare ateo e filosofo progressista francese, scrive su Le Figaro [vedi QUI] che la messa in latino è un patrimonio universale che non può essere toccato e squalifica Bergoglio come un “gesuita e peronista” la cui formazione è quella di un “chimico”. José Manuel de Prada, su ABC, ha detto che si toglie il cappello per entrare in chiesa, ma non si toglie la testa, come richiesto dal motu proprio francescano.

NDT
[1] Un’anatra zoppa è un funzionario eletto il cui mandato sta per finire, e più in particolare un funzionario eletto che è ancora in carica, mentre il suo successore è già eletto ma non ancora in carica (fonte).

2] In francese, “Diablerie”, 1932: caricatura degli sforzi di Haile Selassie I per modernizzare l’Abissinia.
Secondo il commento di un lettore su un sito commerciale, “Una satira piacevole in un paese africano d’invenzione dove un imperatore da operetta cerca di introdurre la modernità occidentale. Un resoconto ironico, cinico e convincente di un grande fallimento, lontanamente ispirato da Haile Selassie, un protetto e un esecutore britannico. L’Impero di Giorgio V prende anche la torta attraverso l’esilarante ritratto del suo ambasciatore sul posto.

[3] Nel linguaggio colloquiale, si riferisce ai parroci con poca formazione e poca autorità.



Categorie:Attualità cattolica, Liturgia e Sacra scrittura, Simon de Cyrène

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: