Santo José Sánchez del Rio

Il 10 febbraio è la festa di San José Sánchez Del Río che, all’età di 14 anni, si è unito ai Cisteros per combattere contro la malvagia repubblica messicana in nome di Cristo Re.

Durante la battaglia del 25 gennaio 1928, il cavallo del generale Mendoza fu colpito da un colpo di pistola. José diede al generale il suo cavallo affinché la battaglia potesse continuare. Poi cercò un riparo e continuò a sparare sul nemico.

Quando rimase senza munizioni, fu catturato dalle forze governative. Fu imprigionato e costretto a rinunciare alla sua fede cattolica. Si rifiutò.

Fu poi costretto a guardare l’impiccagione di un altro Cristero catturato nella speranza che questo lo spezzasse, ma José incoraggiò solo il moribondo, dicendogli che si sarebbero incontrati di nuovo presto in cielo.

In prigione, José recitava il rosario ogni giorno e scriveva una lettera a sua madre ringraziando Dio per avergli permesso di essere uno strumento della sua volontà.

Infine, in un ultimo tentativo di farlo ritrattare, i funzionari del governo lo torturarono tagliandogli le piante dei piedi e facendolo marciare per la piazza del paese verso il cimitero. Mentre marciava, è stato ferito con un machete fino a sanguinare da diverse ferite.

Gli furono date numerose occasioni per ritrattare, ma invece gridò “Viva Christo Rey! (Viva Cristo Re!).

Possa questo coraggioso e santo martire ispirare coraggio in tutti noi, affinché possiamo opporci al male in nome di Cristo nostro Re!

Viva Christo Rey!
San José Sánchez Del Río, prega per noi.

(Da FB)

N.B.: Beatificato nel 2005 da papa Benedetto XVI[2], è stato canonizzato il 16 ottobre 2016 da papa Francesco. Per la canonizzazione è stata riconosciuta come miracolosa la guarigione, scientificamente inspiegabile, di Ximena Guadalupe Magallón Gálvez. La bambina, nata nel 2008, era stata colpita, pochi mesi dopo la nascita, da un ictus, a causa del quale le erano stati dati tre giorni di vita. Dopo che i genitori l’avevano affidata all’intercessione del beato José, al momento di staccarla dai macchinari che la tenevano in vita aveva aperto gli occhi e sorriso, tornando successivamente alla completa normalità[3] ((da Wikipedia))



Categorie:Attualità cattolica, For Men Only, Magistero, Simon de Cyrène

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: