Additional Reflection On Ethical Issues Regarding Covid-19 Experimental Sera

In Rome, on October the 23rd, 2021, H.E. Willem Jacobus Cardinal Eijk (H.E.) held a talk at the Voice of the Family’s conference “Health of the sick and salvation of souls – Church and society in this dark hour of history” about the ethical questions related to the Covid-19 vaccines. (Link to the talk here).

As this topic is, for obvious reasons, a very hot subject, we deem paramount here in “CroceVia” to discuss it in the good old spirit of scholastic fashion of the Disputatio.

The structure given by H.E. to his presentation is the following:

  • A recall of what are the basic ethical questions establishing their list.
  • (b1) Inspecting if these vaccines are effective and (b2) safe also looking at what is (b3) their death rate and possible serious collateral effects.
  • (c1) A recall of the issue of using aborted infants for the design, development, production, and test of the currently available vaccine, followed by (c2) a recall of the principles of cooperation with evil
  • Some conclusive thoughts about the rightfulness, or lack of, of governments to force the vaccination on their citizens

Though it can seem just a formal detail, the way a presentation is structured impacts directly the fashion about how the reasoning itself is executed: we continue to sustain that we must absolutely separate the ethical questions per se, like the cooperation with evil, from the consequent ethical practical considerations and application in given, specific circumstances.

Hence, we will first debate about the point (c2) as we do not think, and we already expressed it previously (here), that the usual way to present the issue of cooperating with evil has been evaluated in its completeness.

In a second step we will consider how (c1) must be handled in this context.

We will then have a couple of reflections about the point (d) and more particularly the point of view of a catholic citizen as such.

The fourth point is about the point (b) as they are just circumstantial considerations which do relate to the sole prudential dimension of the problem applicable if, and only if, we do not have sinful cooperation with evil: we will introduce here the concept “cognitive anisometropic amblyopia”, which induces to considerations which lack of universality.

Cooperation with evil

Without any doubt, we can only agree, and for the same reasons, with H.E.’s claim that “Contemporary Catholics, who accept the Church’s teaching on intrinsic evil, therefore, often do not know about them» and this explains why there is not a common agreement between pastors and scholars about this specific topic, yet.

There are four levels of consideration when one does examine the cooperation with any kind of act, and this is often totally overlooked in all the stances which have been expressed:

  • An act is always aimed at an end, which is its cause, the reason of this enactment: participating to this cause can be, in moral considerations, either “formal”, i.e., with the lucid intention to have it happen, or “material” if an act of participation to said cause is not wanted as such.
  • We must now recall that we have four causes which are all explicitly concurrent in ethical considerations: the material cause, the formal one, the efficient and the final one. During all these discussions currently, modern theologians and philosophers do limit themselves to the first two, omitting the instrumental dimension, which is like considering various intermediate acts aimed at their specific ends, and omitting the final cause, which does encompass all the intermediate ones and resumes also the formal and the material causality.
  • There is the dimension of direct or indirect participation to an act and finally
  • There is the remoteness or on the contrary the proximity of a given participation to an act.

A sound ethical analysis does not start with looking at the instrumental causes but is always about looking at the big picture as the final cause, the one, thanks to which, the other three causes are put in motion.

It is a matter of logic and of method: if the final cause is not ethical even the most ethical usage of instrumental causes will not be justifying that end.

If to steal a bank I need to do a hole in a wall, but I do this hole with all my good skills of mason and artist, will this make my act of robbery become a good act? Could that even be a mitigation factor or, in the opposite, is it even an aggravating circumstance, as valuable skills have been submitted to the service of a bad cause?

When Congregation for the Doctrine of the Faith, cited by H.E.  states (here) that “The fundamental reason for considering the use of these vaccines morally licit is that the kind of cooperation in evil (passive material cooperation) in the procured abortion from which these cell lines originate is, on the part of those making use of the resulting vaccines, remote”, it is simply looking at one of the instrumental cause: the patients who use these vaccines have, obviously, never wanted to participate to these abortions, so their participation could only be material and surely not formal; it is also clear, specifically in relationship to the act of getting inoculated by vaccines or sera, that they do participate only indirectly as material cause; and, finally, it assesses that this happened remotely, in the odd ontological and ethical sense of time remoteness, which is per se an erroneous ethical category in its causality consideration as these current vaccines and the genic sera used could not have existed without these previous abortions, which makes them, from a sheer causality point of view, very proximate acts.

This is cutting ethical corners: before looking at this level of detail at the instrumental causality point of view, we must look and discuss the big picture, i.e., the final cause of the whole vaccine/sera production.

And here we lack completely of even the beginning of the start of a reflection: everybody is trying to understand if the people who acted as fences after the robbery of the bank did participate formally or materially, directly or indirectly, in a proximate or remote fashion to the digging of the holes in the bank’s walls and not if they simply did participate to the causa prima which is the worthiness itself of robbing a bank because there are fences who will make it worth it!

The ethical dilemma about the current vaccines and experimental sera used against the current pandemic is to know if their business model, currently based on abortions’ byproducts and industrial processes, could have been successful without the participation of patients-customers eager to buy them: i.e., without the formal participation of these last ones to the causa prima of the pharmaceutical companies.

At this level, the consumers perfectly understand that the more they buy products and services of a company, the more they do participate in its financial success, not only, but also to its business model success. It is obvious that the cooperation to the causa prima of the company is always formal for a consumer.

If the business model of a company is to dig holes in banks walls so that it is possible to rob safes’ contents and resell them, as a fence for these products I do plenty foster that business model and the business owners and their employees and managers of said company will simply improve the technicity and the efficiency of their successful methodologies.

By purchasing, directly or through the state, products issued from the usage of abortion we simply validate the business model of this pharma, not only, but we give them further financial means to continue in the future along such a successful direction, helping to destroy and, anyway, to make even more difficult for other companies who would have liked more ethical approaches: to positively cooperate to this process is for any catholic worth his denomination something impossible to even consider.

There is a quite large academic bibliography available about the phenomena linked to boycotting, i.e., refusing to buy a product which origins are considered unethical by a group or person and to “buycotting” which is the volunteer choice to buy specifically a kind of product which is deemed related to higher ethical and quality standards.

For a catholic, being he the Pope or just simply ourselves, it is a moral obligation not to participate formally in any business model which is based on unethical grounds, hence, to boycott these, and at the same to actively favor, i.e., “buycott“, these business activities which are ethically sound.

Now, thanks to the lack of ethical depth and, particularly, understanding of business ethics by the people who pronounced their advice on this matter, this dimension has been totally overlooked and the “official” catholic world has practically ended up boycotting ethical ways to cure and to develop vaccines and sera without any impairment with abortion in their business model and “buycotting“, instead, the ethically worst available possible choices.

And we all know dozens and hundred of examples of people who do boycott businesses related to the mafia, related to children’s exploitation, to palm oil-related deforestation, to sweatshops as well as there are also examples of people “buycotting” guaranteed fair trade products, organically grown or CO2 neutral products: this concept of formal participation to the causa prima of the business as a consumer it’s been in the air for decades.

Can you just imagine the magnificent blow that would have caused to abortion’s movement if the Catholic Church would have said, OK for vaccines, but only for ethical vaccines: all catholic must accept only ethically proven vaccines. i.e., 1.3 billion fewer consumers: this would have meant that these companies would have had to change their business model, starting from R&D, Testing, and Production for the future and for the present. Instead of that, the Catholic official world is continuing to finance and objectively support that unethical industry.

Cognitive anisometropic amblyopia leading to monovision

When one eye sees well only from near and the other only from far away, in the end, the brain can’t cope and the whole thing results in a mono-vision, i.e., looking only from near or only from far away, losing all sense of perspectives.

This happens also when we deal with knowledge and data: there are people who understand very well specialized data and have a more general understanding of things on the other side, but they cannot make the correct link between said data and the whole picture and end up with biased understanding and erroneous conclusions.

H.E. involuntarily gives us a typical example of this anisometropic amblyopia leading to very specific monovision about the meaning of the data he cites during his otherwise interesting conference when he tries to analyze the prudential dimension of the usage or current vaccines and experimental sera against the Covid.

Of course, and it could not be, ontologically, different as nobody knows the future, he tries to understand what the negative known short term side effects at the date of his conference are and tries to deduct, along with the mainstream official narrative, that it is statistically worth being vaccinated.

He starts with recalling the general effectiveness of the vaccines citing the results for the ones most known in the Western world, and he shows that the immediate collateral effects are huge in terms of percentages of people who get jabbed depending on the vaccine used though feeble in their intensity.

He then looks at the most serious side effects which hit 0.1% to 1% of the people getting the experimental sera and he shows a table with TTS cases (thrombosis thrombocytopenia syndrome) where we see it can affect essentially younger people and mainly females at a 0,0012% level in some extreme cases.

H.E. ends up citing “a nationwide research project in Israel turned out on average to be 2.7 cases in 100,000 people. On the other hand, the possibility of getting myocarditis by Covid-19 is substantially higher, i.e., 11 per 100,000.”

These useful data must now be connected to what the Covid does and here there is a full paragraph that makes a list of how bad can be the covid for who gets it, but no direct comparison is made between the effect of the experimental sera and the covid itself: it is then difficult without a thorough analysis and comparison to establish rational parallelism and get the correct analogies.

But we can retain that some of these experimental sera are valid from 60 to 90% from the day of their administration down to 30-35% six months later according to the Israeli studies which imply the need for a third jab and in the future probably of additional jabs regularly.

The real question is not so much a question to know if the inoculation of these experimental sera has per se so many secondary effects and does guarantee alleviated effects in case one patient gets the covid (it is now generally accepted that these “vaccine” strategy does not stop the diffusion of the coronavirus) but to know if these patients risk more or less than unvaccinated people in general.

The question which is never discussed is to know if it is better to stay unvaccinated from a prudential point of view or not: in other words, if I take the citizen XYZ and this person is currently unvaccinated and not sick, what is the percentage of chance that he/she will get these horrible side effects either from a vaccine or from the sickness directly itself?

XYZ can choose to be immediately exposed to the side effects of the experimental sera (short, medium, and long term) or to wait to be “naturally” contaminated by the coronavirus and be exposed to its objectively vicious effects.

In the first case, he will immediately get the vaccines’ side effects described by H.E. according to his statistics, in the second case he will have to wait for the contamination.

As we have seen that the effect of the sera is mainly effective along a period of six months, the question becomes very precise: for example, what is the probability for XYZ to be dead in the function of age sex, etc. out of the “natural” Covid19 sickness compared to all side effects, included the naughty ones described above if he decides to be immediately jabbed.

We can use the data of Worldometer to have an idea: on a worldwide population of, say, 7.5 billion inhabitants since the start of the pandemics officially 19 months ago (roughly 570 days ago) we got as for today November the 4th 2021, 248,961,251 cases of Covid-19 and 5,039,825 deaths.

This means that 0.03319% of inhabitants of this planet caught this sickness in 570 days (i.e., a current 0.000058% daily probability to catch it or over a period of six months 0.0108% to catch it) or, other words 0.0067% died because of this sickness (i.e. a current daily probability of 0.000018% to die out of covid, or over a period of 6 months a probability of 0.0021%).

To understand and get back to perspective out from monovision, just using the Israeli numbers cited by H.E. only for the cases of myocarditis of “2.7 cases in 100,000 vaccinated people against 11 cases in 100,000 for not vaccinated people”  and knowing that out of 100,000 unvaccinated people only 0.0108% will be sick, i.e. 10.8 people and out of these ones 11 cases out 100,000 will get this myocarditis i.e. 0.001188 people, it is clear that one risks 2,272 times more to have that myocarditis getting jabbed than waiting to be sick during the next six months!

Of course, this calculation should be made side effect per side effect, and not only for the myocarditis like we have done here, per age and sex categories and per country, but nonetheless, it means that the assertions of H.E. about the prudential necessity to get these sera inoculated if far from being something universal.

Hence, we must disagree with his conclusions and consider that it is not prudent, yet, to use these experimental sera massively for the whole population because even their very first side effects are overwhelmingly more dangerous statistically speaking when we consider the actual spread of the pandemics.

Conclusion

The Covid 19 pandemic has been and still is a challenge for humanity also beyond its dangerous effects for who catches it, but mainly because we have seen the birth of narratives which have seen colluded the political and the religious powers to control population, behaviors, much beyond what virtuous wisdom and meaningful ethics would require.

We have seen the hierarchy of the Catholic Church and their theologian and moralists lose completely common sense and perspective coming to the point to advise and, in some cases, even to oblige, like in the case of the Vatican’s employees, to participate with the evil of a business system which pushes for abortion as an economic paradigm, missing a historic opportunity to durably influence the pharma industry to get rid of these intrinsically unethical practices.

In Pace



Categorie:Attualità cattolica, Filosofia, teologia e apologetica, Magistero, Simon de Cyrène

45 replies

    • Un altro modo di vedere le stesse cose…

      ttps://www.open.online/2021/11/04/covid-19-pfizergate-vaccino-pfizer-fda-scandalo-bmj/

      "Mi piace"

      • Il meglio è andare direttamente alla fonte:
        https://www.bmj.com/content/375/bmj.n2635

        Comunque: (1) Ormai non ne siamo più lì, le conseguenze nefaste sono sotto gli occhi tutti: tanta la gente che non avrebbe mai avuto il covid naturalmente si è ritrovata con effetti secondari deleteri e anche mortali che non avrebbero mai avuto in vita loro senza essere stati vaccinati (Leggi l’articolo qui sopra)
        (2) Questo tipo di cose mostra che una certa e marcata prudenza è la sola regola ragionevole in queste materie: obbligare le persone a compiere atti di imprudenza contro se stessi, come è successo in Vaticano, è criminale e peccaminoso
        (3) Si mette ad ogni modo in evidenza quanto i risultati fossero “scelti” per mostrare quanto “buono” era il prodotto ed il loro business model a prescindere.

        In Pace

        Piace a 1 persona

        • La cosa più bella che si trova scritta nella fonte è questa:

          “poco dopo che Ventavia ha licenziato Jackson, la Pfizer è stata informata dei problemi alla Ventavia con la sperimentazione del vaccino e che ha avuto luogo una verifica.
          Da quando Jackson ha segnalato problemi con Ventavia alla FDA nel settembre 2020, Pfizer ha assunto Ventavia come subappaltatore di ricerca su altri quattro studi clinici sui vaccini (vaccino covid-19 in bambini e giovani adulti, donne in gravidanza e una dose di richiamo, nonché un RSV sperimentazione sui vaccini)”.

          Un prezioso insegnamento di come imparare dai propri errori per… ehm… continuare a farli?
          Ma wow! ‘nafigatapazzesca proprio. Fiducia e credibilità a colazione pranzo e cena

          Piace a 2 people

        • I suggerimenti del Vaticano sono tanto più criminali in una fase come questa in cui, grazie allo spegnersi naturale della pandemia e nonostante si sia tornati quasi alla vita normale con apertura di stadi, cinema, discoteche ecc, in Italia in ci sono meno di 40 morti al giorno quando lo scorso anno di questi tempi i morti giornalieri superavano le 250 unità (ed erano più di 700 al giorno a fine novembre, bloccati poi solo dal lockdown). Perchè se il calo di morti fosse invece riconducibile al vaccino, forse il consiglio di farselo, evitando diverse centinaia di morti al giorno a fronte del rischio di uno 0,0022% di parestesie e di una percentuale molto inferiore di eventi avversi più gravi, potrebbe essere considerato da qualcuno come non così criminale. Fortuna che invece ci pensa Madre Natura.

          "Mi piace"

          • Non sarei tanto sicuro delle tue affermazioni: guarda https://ourworldindata.org/covid-vaccinations vedrai che l’Italia ha un 77% di sierati, eppure qui https://www.worldometers.info/coronavirus/country/italy/ vedrai che sono 59 morti al giorno e tendenze al rialzo.

            Se guardi ad esempio l’Africa del Sud con un tasso di vaccinazione del 25% e una poplazione equivalente all’Italia vedrai che le tendenze alla diminuzione della malattia sono mooooolto più marcate che in Italia con la metà del numero di morti https://www.worldometers.info/coronavirus/country/south-africa/

            Se poi guardi un altro paese con il doppio della popolazione italiana, l’Egitto, con soli 18% di vaccinati, i numeri sono così bassi che si può considerare la cosa episodica e un numero di morti di 57 per 100 milioni, cioè un 34 paragonato all’Italia https://www.worldometers.info/coronavirus/country/egypt/

            A livello mondiale https://www.worldometers.info/coronavirus/ puoi vedere che tutto è naturalmente al ribasso con un 39% di vaccinati.

            Questo vuol dire che i fattori che incidono sulle dinamiche pandemiche sono anche altri e molto più complessi

            Standocene alle statistiche israeliane sui casi di miocardite indotta per i sierati 2,7 per 100’000, ciò vuol dire che in Italia con 77% della popolazione italiana sierata, cioè 46 milioni di sierati ebbene ci sono probabilmente stati 1257 casi di miocardite.

            Orbene, se questi 46 milioni di sierati non lo fossero stati, durante questi ultimi 9 mesi, la probabilità che avrebbero avuto il covid e la quantità di persone che lo avrebbero avuto sarebbe stata di (4.8Milioni dall’inizio/60 milioni di abitanti diviso 570 giorni dall’inizio della pandemia = a…) 0.0001481% giornaliero, cioè durante questi nove ultimi mesi (270 giorni) uguale a 4% della popolazione: in altre parole tra questi 46 milioni di vaccinati “solo” 1’840’000 avrebbero avuto il covid e con 11 miocardite per 100’000, sempre secondo gli israeliani, avremmo avuto “solo” 202 casi.

            Cioè ci sono stati ben 1257-202=1055 casi di miocardite che non avrebbero mai dovuto essere causati dai sieri sperimentali
            E ciò solo per un tra i tanti effetti secondari gravi!!!

            Cioè, carissimo Enrico per salvare 202 ne abbiamo ammalati/uccisi 1055 in più.
            E adesso viene la MErck con un anti-virale che diminuisce la carica virale di metà presso i soli contaminati…… senza bisogno di inoculare sporcizie a tutti ogni sei mesi.

            Rifletti.

            In Pace

            "Mi piace"

            • Stai paragonando l’Italia con il Sud Africa che ha la stessa popolazione dell’Italia dislocata in una superficie quattro volte più ampia e si avvia alla bella stagione, o con l’Egitto, che ha un clima completamente diverso. Gli aspetti climatici, la densità di popolazione e la vita all’aria aperta giocano un ruolo evidente nella diffusione del virus e non si possono ignorare questi fattori. Ha più senso fare paragoni con gli altri paesi europei, che hanno clima, stili di vita e densità abitativa più simili. Quanto alla seconda parte del ragionamento, forse il vaccino ha aumentato i casi di miocarditi (che assai raramente portano alla morte) ma ha consentito di prevenire decine di migliaia di morti. Prima della diffusione dei vaccini la letalità del Covid in Italia era del 3% circa: sull’1,84 milioni di casi da te ipotizzati si parla di più di 55 mila morti; tra i vaccinati questi numeri scendono notevolmente risparmiando appunto decine di migliaia di morti (al ritmo degli ultimissimi giorni di circa 40 morti al giorno si arriva a circa 10 mila morti nei 9 mesi considerati; questo pur avendo più del 20% della popolazione non vaccinata). Detto questo se verrà sviluppata una cura efficace e non ci sarà più bisogno dei vaccini, sarò il primo ad esserne felice. Non ho alcuna posizione pregiudiziale in merito, anzi se posso evitare di fare il vaccino lo faccio più che volentieri.

              "Mi piace"

              • Mi fate paura, voi, i talebani dei sieri sperimentali! 1200+ giovani (perché essenzialmente è la popalzione giovane che la subisce) che si ritrovano con miocarditi che mai avrebbero avuto e per voi tutto va bene madama la marchesa.
                Senza contare tutto il resto, morti compresi.
                Purtroppo per te negli UK dove possono pubblicare statistiche e analizzarle hanno dimostrato che tutte cause di morte confuse, muoiono di più i sierati, rispetto alla loro popolazione, che i non sierati, rispetto alla propria popolazione ovviamente…. http://www.eecs.qmul.ac.uk/~norman/papers/inconsistencies_vaccine.pdf
                Buona lettura
                In Pace
                P.S.: Sì, è davvero un criminale chi obbliga a vaccinarsi….

                "Mi piace"

              • Ma non dovrebbe essere cosí difficile da capire che non é morale fare del male ad un innocente per salvarne un’altro. Se uno solo morisse colpa del vaccino non importa quanti si siano salvati resterebbe nella coscienza di chi obbliga a vaccinarsi. Di piú in questo caso dove persino dal punto di vista utilitarista mettiamo a rischio giovani sani per salvare vecchi ammalati ai quali utiliiitariamente presto gli offriremo l’eutanasia per che si tolgano dai piedi.

                Piace a 1 persona

                • Infatti, queste di Enrico e Viandante, sono posizioni post-cattoliche, anzi, post-cristiane: l’utilitarianesimo ha talmente avvinghiato il loro modo di pensare che non possono neanche più capire la radicalità evangelica nella concretezza quotidiana e nella realà delle situazioni di crisi.
                  Il più grave , però, e che, purtroppo, questo cancro ha raggiunto e corrotto moralmente e spiritualmente anche i centri nervosi e il cervello dell’Istituzione Ecclesiale Cattolica.
                  In Pace

                  "Mi piace"

                • Veramente ne me ne Enrico abbiamo mai parlato di obbligo vaccinale.
                  Quindi :
                  – Per quanto riguarda l’eticità del vaccino ci adeguiamo semplicemente a quello che dice la Chiesa nella sua funzione gerarchica, confermato peraltro da numerosi teologi italiani ed esteri tra cui Feser.
                  – Per quanto riguarda l’opportunità di vaccinarsi in tema di rischio/beneficio, considerando l’abbondanza di statistiche contraddittorie sul tema, e l’assoluta impossibilità di poter controllare e valutare in autonomia i dati, rivendico la libertà di decidere se vaccinarmi o meno fondandomi sulla mia percezione di credibilità di chi li calcola, li valuta e li diffonde.
                  – Per quanto riguarda l’essere considerato un post-cristiano, essendo una critica « ad personam » ed apodittica , proveniente da persone che non mi conoscono personalmente, non ritengo sia necessario replicare.
                  Buona giornata.

                  Piace a 1 persona

                • « Per quanto riguarda l’eticità del vaccino ci adeguiamo semplicemente a quello che dice la Chiesa nella sua funzione gerarchica… »
                  Ho come l’impressione che oggi, molti cattolici, non seguano il Vangelo ed il retto e millenario Magistero ma ascoltino una gerarchia che non indica più Gesù come Via, Verità e Vita.

                  Piace a 1 persona

                • È triste, ma questa reazione di Viandante è interessantissima proprio perché mostra l’abdicazione della coscienza nella sua relazione allo Spirito Santo a favore di opinioni di una gerarchia che non sa più che farsene del Magistero millennario della Chiesa e della Buona Novella.
                  In Pace

                  "Mi piace"

                • Ho messo un mi piace a Viandante.
                  E’ palese che oggi nel marasma informativo e culturale in cui siamo immersi, chiunque abbia un dubbio minimo si trova in balia di presunte Verità certe e opposte, ognuna delle quali portate avanti da esperti o sedicenti tali. Ad ogni passo avanti per altro si troverà sempre qualcuno di competente che smentirà tale passo con informazioni che i più non sapranno nemmeno valutare.
                  Questo mi porta alla decisione, per come sono fatto, di non voler chiedere ad un mio fratello di fede, che magari crede alla Santa Sede e ai suoi atti, di credere a me che dico il contrario, ad esempio. Al massimo posso pretendere che lui si metta in discussione, che non prenda tutto per oro colato mostrandogli il perchè, che sia un uomo in cammino insomma, ma sempre e solo per lui stesso.
                  Sono fatto cosi e credo che sia Dio che mi abbia voluto cosi.
                  A me infatti non fanno paura quelli che hanno dubbi e che nel buio circondato da luci si guardano in giro con quel poco di lume che hanno in mano, col timore che molti fuochi sono fatui e che però si fidano in buona fede. Ho più timore dei fuochi fatui che ho riconosciuto e che si mostrano come fossero brace viva in mala fede.
                  Siamo diversi in fondo. Non tutti sono chiamati ad essere tipi istintivi o emotivi o competitivi o perfezionisti ecc. Si è chiamati ad essere Santi ed ognuno ha un suo cammino verso la Santità che deriva dal proprio modo di essere uomo, psicologicamente, culturalmente e caratterialmente.

                  E’ il senso di Croce-Via appunto. E ui ho sempre visto pochissime persone in mala fede, di questo ringrazio il Signore.

                  Io apprezzo chi si è vaccinato perché ci ha creduto o ci crede e non mi obbliga in alcun modo a crederci. E viceversa. Oppure chi ha fatto ma si mette in discussione. Oppure chi ha una opinione, la difende, ma senza scadere nelle fallacie o riconoscendole oppure ancora restando della sua idea, ma con un dubbio da vagliare col tempo. Oppure chi si toglie i dubbi e decide su una posizione nonostante questo mondo relativista dichiari che la non scelta (e quindi l’accettazione del senso unico proposto dalla corrente!) è la cosa migliore. E ce ne sono tanti cosi.

                  Detto questo a fine mese Fulvio Di BLasi dovrebbe finalmente riuscire a chiudere il primo libro dedicato alla pandemia, alla vaccinazione e a tutto il marasma autoritario che ci circonda.
                  Sarà una pubblicazione che curerà quasi sicuramente la Phronesis e la nostra intenzione è quella di far girare la pubblicazione presso le più alte cariche, dai parlamentari UE contrari al GP, ai parlamentari italiani critici, fino ai Vescovi e Cardinali che conosciamo.

                  Il futuro sarà sempre più a senso unico e le voci discordi tolte dal coro. Gli animi si scalderanno sempre più. D’altra parte a chi ci vede lungo è chiaro come il sole che i grandi capi della tribù non possono che alzare l’asticella dello scontro sociale, pena il crollo sulle loro teste del castello di carte. Sono solo carte, ma quando son tante fanno male lo stesso.
                  Per questo io apprezzo chi sa ancora mettere dubbi davanti nonostante questo pur difendendo una idea identitaria in cui si ritrova (ma non sposa fino alla morte).

                  Discorso complicato, fatto in un momento davvero pieno di cose da fare, quindi scusate le possibili riflessioni criptiche e le certe ripetizioni.

                  Piace a 1 persona

                • Putroppo, e quanto vorrei! , non posso metter un piace a Viandante.
                  Come invece lo metto a te: tu esprimi il tuo punto di vista e lo spieghi e giustifichi. Questo è dialogo.

                  Nell’atteggiamento di un Viandante (ma Enrico è pari pari) invece c’è solo chiusura: in altre parole, ad esempio in questo articolo, ho messo giù riflessioni, analizzando un discorso, quel del Card Ejick che non mi convince. Ho mostrato che l’ho capito. L’ho smontato e sono andato più lontano con la mia analisi.

                  Orbene, non è accettabile per me, cioè non ha nessun significato che qualcuno come Viandate che non legge la mia fatica, non si da la pena di una critica sincera, stile “non sono d’accordo con l’affermazione che in quanto consumatore partecipo alla causa prima di un business” spiegando perché: cioè controbattendo con intelligenza. O come qualche trinariciuto che scrive senza aggiungere nient’altro “Non sono d’accordo”: ma dove siamo?

                  Invece mi dovrei sortire il tipo che viene su questo thread per scrivere: “guarda non me ne frega niente di quel che scrivi, io, tanto, ascolto quel che dicono gli altri, non perché io capisca quel che si dice, ma perché, incapace di capire, allora mi rimetto a loro”.

                  Però qui è sbagliato, se uno viene su Croce-Via ci viene perché vuol dialogare, discutere, disputare: non per infischiarsene di quel che vi si dice e ripetere belando come un pecorone di Panurgio di Rablais la solita vulgata che conosciamo meglio di lui anche perché noi capiamo il background della vulgata mentre lui no a suo stesso dire.

                  Quindi, no: non vedo posto per atteggiament simili in questo blog: mi dispiace.

                  Non sei d’accordo ma non sai perché? Beh, mica sei qui per essere convinto di essere d’accordo. Va fare altro.
                  Non sei d’accordo ma sai spiegarlo? Ottimo, sei al posto giusto.

                  In Pace

                  "Mi piace"

    • Ma nella mia modesta opinione anche in questo articolo si fa un errore di base, cioé legare la legittimitá dell´obbligo vaccinale alla sicurezza dei vaccini. In questo modo si finisce sempre nella morale utilitaristica. La moralitá dell´obbligo vaccinale dipende dall´esistenza o no di una vera emergenza. Se ci fosse in circolazione un virus che produce effetti come quelli del virus della poliomelite o dell´ebola sarebbe morale l´obbligo vaccinale anche con un vaccino non testato perché sarebbe a rischio l´integritá della societá, una vera emergenza.

      Piace a 1 persona

      • Anch’io rifiuto radicalmente ogni morale utilitaristica!
        Siamo cristiani.
        Concordo con la tua riflessione: quando vedi che hai 2,272 volte più rischio di beccarti una miocardite con il vaccino che “aspettando” il covid, vuol dire che non stiamo parlando della “buona” malattia o del “buon” vaccino, a scelta.
        In Pace

        "Mi piace"

  1. Simon, tu hai scritto: « 2,7 casi ogni 100.000 persone vaccinate contro 11 casi ogni 100.000 persone non vaccinate », facendo il raffronto tra vaccinati e non vaccinati.
    Io avrei scritto: « 2,7 casi ogni 100.000 persone vaccinate contro 11 casi ogni 100.000 persone infettate dal Covid-19 », facendo il raffronto tra vaccinati ed infettati.

    Piace a 1 persona

  2. Cioè, per quanto riguarda il tuo primo punto, rinunci all’uso della tua coscienza personale scaricandoti della responsabilità di portare avanti la tua propria valutazione etica, facendo volontariamente apposta di non confrontarti con argomenti che ti disturberebbero nel tuo conforto personale; nel secondo caso rifiuti di prendere una matita e fare qualche moltiplicazioni, divisioni, sottrazioni e divisioni su dati accessibili a tutti, ma preferisci « scientificamente » rimetterti ad una percezione di credibilità che non sei per altro capace di valutare, appunto perché non vuoi fare uno sforzo intellettuale minino prendendo detta matita; quanto al terzo punto, il tuo stesso modo di porti in gioco, valutando che sia bene o male in funzione della sola quantità di bene e di male, è la definizione stessa di utilitarianesimo, il che non è cristiano, ancor meno cattolico; per altro affermi che la verità e la realtà non esistono in quanto solo valgono opinioni terze e « percezioni » di credibilità: mi sembra che l’attacco ad personam lo fai da te stesso contro te stesso.
    In Pace

    "Mi piace"

    • Non capisco l’acredine di questo commento e la sostanza dello stesso.
      Mi sembra che nelle settimane precedenti ognuno di noi abbia fatto uno sforzo, anche molto ostacolato, per rispondere nel merito degli argomenti, e credo che ci sia ben poco da dire in aggiunta.
      ….
      Buona Giornata.

      "Mi piace"

      • No, Viandante, non ho letto un solo commento o risposta nel merito ad alcun argomento né da parte tua né da quella di Enrico: posso sbagliarmi ma, allora, mostrami degli esempi.

        Rispondere nel merito agli argomenti altrui vuol dire: (1) leggerli, (2) capirli, (3) controbatterli con fatti e ragionamenti.

        Benché questo sia stato fatto dalla parte nostra con metodicità, non mi ricordo un solo commento tuo o di Enrico che abbia mostrato aver letto, aver capito, aver presentato un contrargomento: il massimo che, personalmente, ho visto da parte vostra, è la reazione del bambino che si tappa le orecchie con le due mani e strilla “non sento niente, non sento niente, non sento niente” e subito dopo ricomincia la solita lagna senza tener minimamente conto di quel che gli è stato detto.

        Maleducazione pura, la vostra, nel migliore dei casi, oppure vostra profonda assenza di rispetto della persona altrui, in quanto persona che ragiona e che usa della propria libertà di figlio di Dio, nel peggiore dei casi, e che si dà la pena di tentare di argomentare con voi.

        In Pace

        "Mi piace"

    • “nel secondo caso rifiuti di prendere una matita e fare qualche moltiplicazioni, divisioni, sottrazioni e divisioni su dati accessibili a tutti, ma preferisci « scientificamente » rimetterti ad una percezione di credibilità che non sei per altro capace di valutare”

      Però quando sposi questa visione arrivano altri statistici a mostrare come con gli stessi dati e altre letture, gli stessi impongano politicamente delle azioni diverse da quelle che si ha in testa.
      Non è questione di non voler rifare le somme, cosa che io non faccio mai ma salto a piè pari quando mi fido di chi scrive, ma di rendersi conto dei limiti di ogni analisi di questo genere.
      E infatti ho smesso di stare sull’attualità e mi sono messo a capirci di epistemologia.

      La statistica non è scienza esatta (c’è anzi chi dubita sia una scienza) e segue quasi pedissequamente i grandissimi limiti dell’analisi matematica sulla realtà.

      Io procedo a vista e sospendo ogni giudizio sull’esterno a me, decidendo ogni giorno su cosa fare su me stesso e al contempo osservando inorridito la deriva palese dello Stato di Diritto oramai giunto all’ultimo stadio prefigurato da Platone nella sua Repubblica.

      Piace a 1 persona

      • Si, ma se non sei capace di capire le due moltiplicazioni e divisini fatte, l’onestà intellettuale sarebbe di dire…sospengo il mio giudizio.
        Non posso giudicare e ti astieni di venir fare commenti al soggetto visto che, tanto, per l’appunto ti astieni.

        In tanti luoghi che frequento, ovviamente non ho gli strumenti tecnici per capire il dettaglio dei meccanismi e quando c’è contraddizione tra due che dialogano, francamente me ne sto zitto e mi astengo dal commentare, perché tanto la verità non è nella quantità di opinioni di ignoranti che non sanno usare di una matita.

        Eppoi hai ragione sulla statistica: tutto dipende dalla narrativa che vuoi sviluppare. Per questo è più interessante l’epistemologia, la filosofia della metafisica, l’etica.

        In Pace

        Piace a 1 persona

  3. Nel frattempo i manifestanti no vax che hanno fatto la scelta morale, secondo alcuni qui l’unica accettabile, di non vaccinarsi e si sono assembrati in piazza senza mascherine per manifestare il loro diritto a farsi i cavoli propri infischiandosene dell’interesse collettivo, hanno diffuso il virus a Trieste, città che ora si ritrova con gli ospedali pieni e con alcune attività ordinarie (operazioni ecc.) necessariamente sospese. E’ davvero tutto molto bello ed etico, ma ovviamente immagino che la colpa sia del sistema sanitario sottodimensionato.

    "Mi piace"

    • Guarda Minstrel, che livello abbiamo: quest’intervento di Enrico l’ho lasciato apparire adesso adesso per mostrartene il livello da fogna intellettuale.
      Ci vedi una relazione qualunque con l’analisi fatta sul discorso del Card Eijck?
      Cosa c’entra questa merda in un blog come il nostro? In questo thread? Mi puoi dire?
      In Pace

      "Mi piace"

      • Chiaro, ma è sintomo del clima che ti stavo dicendo sopra. Giusto moderarli, ma è altrettanto giusto a mio avviso rendersi conto che pubblicandoli con il contagocce e rispondendo con calma alle loro richieste implicite, è possibile anche ritrovarsi ad avere un compito di indirizzamento e dialogo che oggi è pressoché una chimera.
        Ma non rispondendo a tono, ad esempio dicendo la questione Trieste risulterebbe essere una fake news creata ad arte da quelli del castello di carte. Bisognerebbe entrare nella forma mentis di chi – commentando cosi – appare da un lato schiavo di una narrazione precisa e dall’altro di non sopportare la narrazione altrui che considera falsa e in mala fede.
        Il punto è che se mi guardo con occhi esterni posso apparire anche io uguale: schiavo di una narrazione e al contempo adirato con chi è con il sistema per mala fede.
        Devo forse comportarmi uguale pensando che chi scrive si stia volutamente ingannando in mala fede?
        Io non sono cosi (e infatti non vivo bene ahahah).

        Per come sono io, avessi i numeri, risponderei sul pezzo. Ad esempio bisognerebbe fare in modo di chiarire ad Enrico la questione del cosiddetto “Interesse collettivo” di cui tutti si riempiono la bocca, come se in questo mondo tutti fossero disposti a morire per l’altro, quando spesso tali discorsi nascono sotto sotto per egoismo di chi si illude di poter tornare al 2019, credendo ad esempio a quelli che parlano di terze dosi miracolose senza uno straccio di studio in mano (guarda caso gli stessi che dicevano medesime cose della seconda).
        Io ci vivo in Italia, mi rendo conto del clima che si alimenta volutamente e tutti noi, Enrico compreso, ne siamo vittime. E io ad una vittima come me di un sistema devo dar contro facendo il gioco del sistema stesso? NO. La situazione italiana è davvero fuori misura, Simon. Anche io ho il controllo quotidiano del GP, con gente che ti guarda schifata, gente che ti chiede quanto spendi, gente che ti guarda come un eroe e gente che sorride sotto i baffi perché lui è a posto per un anno (e chissenefrega se il vaccino non funziona, io mi faccio i cazzi miei).
        Anche io entro in un bar e mi sento dire “GP subito per favore” quando non ce l’hai in mano oppure “metta via quella stronzata!” quando entri con il foglietto in mano. Qualsiasi cosa fai ti senti quanto meno in difetto o come minimo sotto osservazione.
        Sei immerso in un clima di “difetto”, di osservazione. Ovvio che in molti si risentono quando leggono “macché discriminazione!”. Anche io rido (inorridito!) di fronte ad ogni pagina dei giornaloni che passano e superano il segno ogni santissimo giorno. Perché anche io ho fatto una scelta di campo che mi crea una cornice precisa. Il punto è che le scelte di campo sono talmente radicalizzate che il quadro interno alle cornici sarà sempre una merda. Nessuno qui vive con la tranquillità, non credo quanto meno dato che qui in Italia il clima pare da pre guerra civile. La questione è questa: non sarò io ad alimentare lo scontro.
        A me Enrico che scrive cose simili mi fa tristezza e insieme stimola a fare in modo che in molti abbiano presto a disposizione dei ragionamenti precisi e creati ad hoc sulla loro forma mentis.
        Ad avere il tempo e la competenza per farli, chiaro…

        Per questo sto aiutando Fulvio per il libro, confido che avrà risposte a molte domande implicite che molti, anche con questi commenti “sui generis” (diciamo…), supplicano di avere.

        Piace a 1 persona

        • Tutto bene Minstrel.
          Pacatamente, dimmi dove non avrei risposto alle loro “richieste implicite”: leggi traquillamente gli scambi qui sopra dopo il tuo intervento.
          Ad ogni “richiesta implicita” o esplicita è stato dato (3) loro esempi, ragionamenti e contro esempi, dopo aver (1) letto quel che questi signori avevano scritto (2) capito quel che avevano detto.
          Ti pare che abbiano fatto lo stesso sforzo.. almeno leggere? No, guarda bene: si tappano le orecchia, e gli occhi, purtroppo non la bocca e il Viandante finisce con uscirti un commento che mostra che non si è neanche dato la pena di leggere l’articolo scritto, da gran cafone.
          Quindi questa critica non la vedo.
          Ho creato qualche settimana fa un thread per interventi alla cazzona: che vadano scrivere lì se sono incontinenti.
          Ma se non sono capaci di (1) leggere, (2) capire, (3) controbattere con logica e fatti nel merito, mi spiace ma non so che farmene di tali utenti.
          Ricordati quando creammo il blog 8 anni fa: non volevamo avere utenti che vengono spararci cazzate senza ragionare e senza capacità di dialogo. Ecco, ci risiamo.
          Non è mica un blog per lo sfogo umoroso di cretinoidi ammassati dal pensiero unico: qui vogliamo riflessione, contraddizione ragionata.
          Un tizio che ti dice ch il tuo ragionamento non lo capisce allora va da altri, perché non è che li capisce meglio ma di quelli lui si fida, ma che ci sta a fare qui? Abbiamo deciso di sempre usare pseudonimi per sempre evitare gli argomenti di autorità alfine di spingere i nostri utenti a riflettere con la propria testa e a non delegare la loro intelligenza e la loro coscienza (!!!!) a terzi.
          Se non ne sono capaci, davvero, questo blog non è il posto: il fine del blog non è mai stato di convincere chicchessia ma quello di sempre riflettere con tutte le carte in tavola. Mica di finire ogni intervento dicendo: l’ha detto Einstein…
          In Pace

          "Mi piace"

        • Buongiorno a tutti,
          fatti i più sentiti complimenti all’estensore dell’articolo, pur essendo commentatore neofita, oso entrare nel merito delle due posizioni metodologico-pedagogiche espresse da Minstrel e Simon (il poliziotto “buono”e quello “cattivo”). Nella lunga esperienza fatta come commentatore, prima su Luogocomune e poi su UCCR, ho da subito adottato la pedagogia della quasi infinita pazienza sostanziata dal massimo rigore argomentativo possibile; in ciò, mi pare, unendo i vostri due punti di vista.

          L’approccio più morbido e comprensivo di Minstrel, basato, credo, in essenza sul fatto che tutti siamo peccatori e tutti almeno una volta siamo stati vittime del condizionamento sociale (e dunque per empatia possiamo capire chi ancora ne è vittima e però anche complice), è corretto, ma, d’altro canto, va considerato che anche chi non è esperto in una data materia, in questo caso (come in molti altri) ha a disposizione dei macro-fatti di innegabile evidenza.

          1) I cosiddetti vaccini sono in realtà terapie del tutto sperimentali nell’applicazione sull’uomo.

          2) Come giustamente messo in rilievo nella prima parte dell’articolo, la cooperazione causale di un cliente-vaccinato al modello di business basato sull’orrore dell’aborto è certamente prossima (non c’entra nulla, e per di più è quasi certamente falso, che l’omicidio sia avvenuto solo in pochi casi e con grande antecedenza sul piano cronologico).

          3) Proibizione di fatto delle autopsie, affossamento palese delle tante possibili alternative terapeutiche con imposizione reiterata di tachipirina + vigile attesa, imputazione assurda delle morti da covid.

          4) Ricatto vile e totalmente anticostituzionale (oltre che immorale) del green pass, che sul piano etico configura il classico caso del (preteso) buon fine che giustifica i mezzi (intrinsecamente cattivi: blocco dei mezzi di sostentamento per le intere famiglie!!! Ci rendiamo conto?).

          Anche solo considerando la magnitudo negativa assoluta di questi 4 macropunti, si dovrebbe logicamente concludere all’assurdità di tutto ciò che ci è imposto di vivere e, dunque, si dovrebbe approdare ad un atteggiamento non di cieca fiducia e abbandono (nella “scienza” e nelle autorità), bensì esattamente all’atteggiamento contrario.

          Piace a 2 people

          • Grazie. Ne approfitto, se non mi sbaglio, Ti conosco da tempo come uno dei migliori “vecchi” commentatori di UCCR e ti so autore di ottimi libri. Grazie di questa tua posizione. Ti chiedo la cortesia, in qualità di Segretario Thomas International e collaboratore della phronesis, se è possibile aprire un rapporto di corrispondenza. Intanto davvero, di nuovo, grazie di questa tua.

            Piace a 1 persona

          • A questi quattro macropunti aggiungerei un quinto che ci deve far riflettere piu’ di tutti gli altri : perche’ gli Stati non hanno imposto l’ obbligo vaccinale?
            Se davvero in possesso di dati sull’ efficacia e la sicurezza del siero a mRNA perche’ non procedere con l’ obbligo vaccinale? La risposta mi sembra ovvia : perche’ i dati sulla reale efficacia, sicurezza e necessita’ non ci sono, non esistono.
            E’ stato tentato un bluff su scala mondiale: pur senza avere i dati scientifici su reale efficacia , necessita’ e sicurezza si d’ FATTO FINTAche vi fossero.
            Adesso i nodi vengono al pettine: in Olanda mettono lockdown anche per i vaccinati ( ovvero ammettono checanche i vaccinati possono contagiare) , in Israele dopo la terza dose ammettono che la variante Delta buca il vaccino.
            Un bluff non puo’ reggere a lungo.

            "Mi piace"

    • Hai almeno capito la differenza tra un “no vax” ed un “no vaccino non etico”?

      "Mi piace"

  4. Una curiosità per i presenti: che ne pensate del vaccino Novavax che pare essere in via di approvazione? Non è un siero genico sperimentale ma un vaccino che utilizza tecnologie “tradizionali” e consolidate…non so sinceramente se per lo sviluppo dello stesso siano state utilizzate linee cellulari di feti abortiti. In linea di principio, comunque, è un vaccino che potrebbe convincere alla somministrazione qualcuno tra coloro che sin qui si è opposto ai sieri anti-Covid?

    "Mi piace"

    • Personalmente non conosco questo vaccino.
      I nostri ragionamenti e la nostra presa di posizione è quella di qualunque cattolico che ascolta lo Spirito Santo:
      (1) questo Novavax partecipa del successo del business model farmacologico basato sugli aborti, sia allo stadio sperimentale, o in questto dei test o in quello della produzione? Se si, bisogna boicottarlo
      (2) Se no, bisogna poi porsi la domanda seguente: è prudente utilizzarlo su larga scala, cioè, secondo i criteri attuali, abbiamo i cinque anni di esperienza su questo prodotto con risultati scientificamente e medicalmente accettabili? Se no, allora bisogna evitarlo.
      In Pace

      "Mi piace"

      • 1) Secondo un documento del Charlotte Lozier Institute di gennaio 2021 (Che qualche mese fa avevo postato qui) la Novavax usa la linea cellulare HEK293 proveniente da feto(/i?)per certi controlli.

        2) Utilizzarlo su larga scala é una decisione del governo, e quel utilizzarlo mi fa pensare ad obbligo vaccinale che mi sembra immorale. Userei la parola autorizzarlo od offrirlo e secondo me dovrebbe sempre essere una decisione basata su rischio-beneficio. Poi verrá la valutazione personale dei rischi e benefici sulla propia pelle e la pelle di quelli che uno é responsabile.

        "Mi piace"

        • Intrinsecamente immorale è già sostenere una struttura di peccato come lo è un business model basato sugli aborti: uno Stato che lo fa, obbligando addirittura i sui dipendenti a farsi inoculare tali prodotti, agisce quindi in modo intrinsecamente immorale in quanto partecipa fromalmente a quel male intrinseco che è l’aborto. Per ora conosco solo la Stato del Vaticano per aver commesso tale opprobrio senza lasciare ai cattolici tra i suoi dipendenti la scelta, oltre che il Tadjikistan ed il Turkmenistan, altri due stati autocratici.
          Che, poi , sia prudente o no è un’altra problematica di per sé sciolta dalla questione aborti: non sono alcuni (possibili e non ancora scientificamente dimostrati) effetti benefici che cambieranno la natura immorale della sua applicazione pratica.
          In Pace

          "Mi piace"

          • Ovviamente per coerenza bisognerebbe raccogliere con la stessa scrupolosità le informazioni relative allo sviluppo di tutti i farmaci che capita di dover assumere nel corso della propria esistenza.

            "Mi piace"

          • Completamente d´accordo, ma il punto uno é rimasto per la riflessione dei pochi che hanno capito che al Vaticano abita un branco di lupi travestito di pastori. Se uno lo sostiene pubblicamente viene considerato un eretico perfino da chi si tiene per cattolico ortodosso, il che é una Grazia ma non so se serve a qualcosa. dissentire coi vescovi che dicono che il Vangelo insegna vaccinarsi per amore al prossimo é purtroppo piú facile e visto come si stanno mettendo le cose ci permetterebbe di passare questi tempi un po piu leggermente.

            "Mi piace"

            • Penso che, come da Salmo 94, da più di 40 anni il Signore ha disgusto per questa generazione apostata, lussuriosa, viziosa e assassina. Non ne deve rimanere nessuno su questa terra e accertarsi che non si ritrovino in Cielo: per questo vanno da seguire pastori che sono lupi che guidano all’abisso.
              Il Signore Gesù si chiedeva in buona conoscenza di causa se quando tornerebbe ci sarebbe ancora la Fede su questa terra.
              In Pace

              "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: