Covid19 E Culto Cristiano

Stavo preparando un nuovo articolo per Croce-Via basandomi sull’esortazione apostolica Sacramentun Caritatis di S.S. Benedetto XVI quando, arrivato quasi a tre quarti, ho letto questa lettera del Prefetto stesso del Culto Divino che esprime con autorevolezza incomparabile quelle stesse conclusioni che avevo raggiunto con le mie riflessioni di laico cattolico, ma con un fiato ed uno stile incomparabilmente d’altra dimensione. Al che mi sono detto: questi diamanti vanno da essere messi al disposizione dei nostri fedeli utenti! Per questo pubblichiamo qui una versione tradotta in italiano con DeepL e da me corretta. Sono riflessioni profonde e altamente realistiche perché davvero spirituali, le quali ci permettono l’incontro con Cristo Gesù. (Sottotitoli della redazione dell’H.N., grassetti miei). Buona Lettura!

——————————————————————————————————————–

Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, il cardinale Robert Sarah ha affidato a “L’Homme Nouveau” la pubblicazione della sua lettera su “Il culto cattolico in questi tempi di prova” :

In molti Paesi, l’esercizio del culto cristiano viene interrotto dalla pandemia di covid-19. I fedeli non possono riunirsi nelle chiese, non possono partecipare sacramentalmente al sacrificio eucaristico. Questa situazione è fonte di grande sofferenza. È anche un’opportunità che Dio ci dà per comprendere meglio la necessità e il valore del culto liturgico. Come Cardinale Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, ma soprattutto in profonda comunione nell’umile servizio a Dio e alla sua Chiesa, desidero offrire questa meditazione ai miei fratelli nell’episcopato e nel sacerdozio e al Popolo di Dio per cercare di trarre qualche insegnamento da questa situazione.

Sospensione del culto?

A volte si è detto che, a causa dell’epidemia e del confino decretato dalle autorità civili, il culto pubblico è stato sospeso. Questo non è vero.

Il culto pubblico è il culto di Dio da parte di tutto il Corpo Mistico, Capo e membri, come ci ricorda il Concilio Vaticano II: “Infatti, per la realizzazione di questa grande opera con la quale Dio è perfettamente glorificato e gli uomini sono santificati, Cristo associa sempre la Chiesa, la sua amata Sposa, che lo invoca come suo Signore e che passa attraverso di lui per rendere il suo culto all’Eterno Padre. Si ritiene quindi, a ragione, che la liturgia sia l’esercizio della funzione sacerdotale di Gesù Cristo, esercizio in cui la santificazione dell’uomo è significata da segni sensibili, si svolge in modo proprio a ciascuno di essi, e in cui il culto pubblico pieno è esercitato dal Corpo Mistico di Gesù Cristo, cioè dal Capo e dalle sue membra. Di conseguenza, ogni celebrazione liturgica, come opera di Cristo Sacerdote e del suo Corpo che è la Chiesa, è l’azione sacra per eccellenza, la cui efficacia nessun’altra azione della Chiesa può raggiungere nello stesso modo e nella stessa misura” (Sacrosanctum Concilium 7).

Questo culto è reso a Dio ogni volta che viene offerto a nome della Chiesa da persone legittimamente deputate e secondo atti approvati dall’autorità della Chiesa (Codice di Diritto Canonico, c 834).

Così, ogni volta che un sacerdote celebra la Messa o la Liturgia delle Ore, anche se è solo, offre il culto pubblico e ufficiale della Chiesa in unione con il suo Capo, Cristo, e a nome di tutto il Corpo. È necessario ricordare questa verità per cominciare. Ci permetterà di dissipare meglio certi errori.

Naturalmente, per trovare la sua piena e manifesta espressione, è una fortuna che questo culto possa essere celebrato con la partecipazione di una comunità di fedeli del Popolo di Dio. Ma potrebbe non essere sempre possibile. L’assenza fisica della comunità non impedisce la realizzazione del culto pubblico anche se lo amputa da una parte della sua realizzazione. Sarebbe quindi sbagliato affermare che un sacerdote debba astenersi dalla celebrazione della Messa in assenza dei fedeli. Al contrario, nelle attuali circostanze in cui al popolo di Dio è impedito di unirsi sacramentalmente a questo culto, il sacerdote è più legato alla celebrazione quotidiana. Infatti, nella Liturgia, il sacerdote agisce in personna Ecclesiae, a nome di tutta la Chiesa, e in personna Christi, a nome di Cristo, Capo del Corpo, per rendere il culto al Padre molto buono; è l’ambasciatore, il delegato di tutti coloro che non possono esserci.

Nessuna autorità laica può sospendere il culto pubblico della Chiesa.

È quindi comprensibile che nessuna autorità laica possa sospendere il culto pubblico della Chiesa. Questo culto è una realtà spirituale sulla quale l’autorità temporale non ha alcun controllo. Questo culto continua ovunque si celebra una Messa, anche senza l’assistenza del popolo riunito. D’altra parte, spetta a questa autorità civile vietare gli incontri che sarebbero pericolosi per il bene comune in considerazione della situazione sanitaria. È anche responsabilità dei vescovi collaborare con queste autorità civili con la massima franchezza. Era quindi probabilmente legittimo chiedere ai cristiani di astenersi, per un breve e limitato periodo di tempo, dal riunirsi. D’altra parte, è inaccettabile che le autorità preposte al bene politico si permettano di giudicare il carattere urgente o non urgente del culto religioso e vietino l’apertura delle chiese, che permetterebbe ai fedeli di pregare e di confessarsi e di ricevere la Comunione, purché siano rispettate le norme sanitarie.

Come “promotori e custodi di tutta la vita liturgica”, spetta ai vescovi esigere con fermezza e senza indugio il diritto di riunirsi non appena ciò sia ragionevolmente possibile. In questa materia, l’esempio di San Carlo Borromeo può illuminarci. Durante la peste di Milano, applicò nei cortei le severe misure sanitarie raccomandate dall’autorità civile del suo tempo, che assomigliavano alle misure di sbarramento del nostro tempo. I fedeli cristiani hanno anche il diritto e il dovere di difendere la loro libertà di culto con fermezza e senza compromessi. Una mentalità secolarizzata considera gli atti religiosi come attività secondarie al servizio del benessere dell’individuo, come il tempo libero e le attività culturali. Questa prospettiva è radicalmente falsa. La lode e l’adorazione sono oggettivamente dovute a Dio. Dobbiamo a lui questo culto perché è il nostro Creatore e Salvatore. L’espressione pubblica del culto cattolico non è una concessione dello Stato alla soggettività dei credenti. È un diritto oggettivo di Dio. È un diritto inalienabile di ogni persona. “Il dovere di rendere l’autentico culto a Dio riguarda l’uomo individualmente e socialmente. “Questa è “la dottrina cattolica tradizionale sul dovere morale degli uomini e delle società verso la vera religione e l’unica Chiesa di Cristo”, ricorda il Concilio Vaticano II, (Dignitatis Humanae, 1).

Omaggio ai sacerdoti e ai religiosi e alle religiose

Vorrei quindi rendere omaggio ai sacerdoti e ai religiosi e alle religiose che hanno garantito la continuità del culto pubblico cattolico nei Paesi più colpiti dalla pandemia. Nel celebrare in solitudine, avete pregato in nome di tutta la Chiesa, siete stati la voce di tutti i cristiani ascendenti al Padre. Voglio anche ringraziare tutti i fedeli laici che hanno preso a cuore di associarsi a questo culto pubblico celebrando la Liturgia delle Ore nelle loro case o unendosi spiritualmente alla celebrazione del Santo Sacrificio della Messa.

Alcuni hanno criticato la ritrasmissione di queste liturgie attraverso i mezzi di comunicazione come la televisione o Internet. Non c’è dubbio che, come ci ha ricordato papa Francesco, l’immagine virtuale non sostituisce la presenza fisica. Gesù è venuto a toccarci nella nostra carne. I sacramenti estendono la sua presenza a noi. Dobbiamo ricordare che la logica dell’Incarnazione, e quindi dei sacramenti, non può fare a meno della presenza fisica. Nessuna ritrasmissione virtuale potrà mai sostituire la presenza sacramentale. A lungo andare, potrebbe anche essere dannoso per la salute spirituale del sacerdote che, invece di volgere lo sguardo a Dio, guarda e parla a un idolo: a una macchina fotografica, allontanandosi così da Dio che ci ha amato al punto di consegnare il suo Figlio unigenito sulla croce perché noi potessimo avere la vita.

Voglio comunque ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per queste trasmissioni. Hanno permesso a molti cristiani di unirsi spiritualmente al culto pubblico ininterrotto della Chiesa. In questo sono stati utili e fruttuosi. Hanno anche permesso a molte persone in cerca di sostegno per la loro preghiera. Voglio rendere omaggio all’inventiva e alla fantasia dei cristiani che hanno dovuto essere dispiegati nel bel mezzo di un’emergenza.

Tuttavia, voglio attirare l’attenzione di tutti su alcuni rischi. I mezzi di ritrasmissione virtuale potrebbero indurre una logica di ricerca del successo, dell’immagine, dello spettacolo o della pura emozione. Questa non è la logica del culto cristiano. Il culto non mira ad agganciare gli spettatori attraverso una telecamera. È diretta e orientata verso il Dio Trino. Per evitare questo rischio, questa trasformazione del culto cristiano in uno spettacolo, è importante riflettere su ciò che Dio ci dice attraverso la situazione attuale.

Esilio

Il popolo cristiano si è trovato nella situazione del popolo ebraico in esilio, privato del culto. Il profeta Ezechiele ci insegna il significato spirituale di questa sospensione del culto ebraico. Dobbiamo rileggere questo libro dell’Antico Testamento le cui parole sono oggi di grande attualità. Il Popolo eletto non sapeva come offrire a Dio un culto veramente spirituale, dice il profeta. Si sono rivolti agli idoli. “I loro sacerdoti hanno violato la mia legge e profanato i miei santuari; non hanno fatto distinzione tra il sacro e il profano, né hanno insegnato a distinguere tra l’impuro e il puro, … e io sono stato disonorato tra loro” (Ezechiele 22:26). Poi la gloria di Dio abbandonò il tempio di Gerusalemme (Ez 10:18).

Ma Dio non si vendica. Se permette che le calamità naturali colpiscano il suo popolo, è sempre per istruirlo meglio e per offrirgli una grazia più profonda di alleanza. (Ez 33,11) Durante l’esilio, Ezechiele insegna al popolo le vie di un culto più perfetto, di un’adorazione più vera. (Ez capitoli da 40 a 47). Il profeta lascia intravedere un nuovo tempio da cui scaturisce un fiume di acqua viva (Ez 47,1). Questo tempio simboleggia, prefigura e annuncia il Cuore trafitto di Gesù, il vero tempio. Questo tempio è servito da sacerdoti che non avranno alcuna eredità in Israele, nessuna terra privata. “Non darete loro un’eredità in Israele; io sarò la loro eredità” (Ez 44,28), dice il Signore.

Abbiamo dimenticato la differenza tra il sacro e il profano.

Credo che possiamo applicare queste parole di Ezechiele ai nostri tempi. Anche noi non abbiamo fatto distinzione tra sacro e profano.

Abbiamo spesso disprezzato la santità delle nostre chiese. Li abbiamo trasformati in sale da concerto, ristoranti o dormitori per i poveri, i rifugiati o le persone senza documenti. La Basilica di San Pietro e quasi tutte le nostre cattedrali, espressioni vive della fede dei nostri antenati, sono diventate grandi musei, calpestate e profanate davanti ai nostri occhi da una deplorevole sfilata di turisti spesso miscredenti e irrispettosi dei luoghi santi e del Santo Tempio del Dio vivente.

Oggi, attraverso una malattia che non ha voluto positivamente, Dio ci offre la grazia di sentire quanto ci mancano le nostre chiese. Dio ci offre la grazia di sperimentare quanto abbiamo bisogno di questa casa dove Lui risiede in mezzo alle nostre città e ai nostri villaggi. Abbiamo bisogno di un luogo, un edificio sacro, cioè riservato esclusivamente a Dio. Abbiamo bisogno di un luogo che sia molto più di un semplice spazio funzionale per l’incontro e l’intrattenimento culturale. Una chiesa è un luogo dove tutto è orientato alla gloria di Dio, al culto di Sua Maestà. Non è ora, nel rileggere il libro di Ezechiele, di riscoprire il senso della sacralità? Proibire manifestazioni profane nelle nostre chiese? Prenotare l’accesso all’altare solo ai ministri? Per bandire le grida, gli applausi, le conversazioni mondane, la frenesia delle fotografie da questo luogo dove Dio viene a vivere?

“La chiesa non è un luogo in cui la mattina presto succede qualcosa una volta, mentre rimane vuota e “senza funzione” per il resto della giornata. Nella stanza che è la chiesa, c’è sempre la Chiesa perché il Signore si dona sempre, perché il mistero eucaristico rimane e perché, nel cammino verso questo mistero, siamo sempre inclusi nel culto divino di tutta la Chiesa credente, orante e amante. Tutti conosciamo la differenza tra una chiesa piena di preghiera e una chiesa che è diventata un museo. Oggi corriamo il grande pericolo che le nostre chiese diventino musei. ” (Joseph Ratzinger, Eucharistie. Mitte der Kirche, Monaco, 1978).

Potremmo ripetere le stesse parole sulla domenica, il giorno del Signore, il santuario della settimana. Non l’abbiamo profanato facendone una giornata di lavoro, una giornata di puro divertimento mondano? Oggi ci manca molto. I giorni si susseguono nello stesso ordine.

Riprendere ad adorare in spirito e verità

Dobbiamo ascoltare la parola del profeta che ci rimprovera di “violare il santuario”. Dobbiamo permettere a noi stessi di essere riaddestrati all’adorazione in spirito e in verità. Molti sacerdoti hanno scoperto la celebrazione senza la presenza del popolo. Hanno così sperimentato che la liturgia è prima di tutto “il culto della maestà divina”, secondo le parole del Vaticano II (SC 33). Non è principalmente un esercizio pedagogico o missionario. O meglio, diventa veramente missionario solo nella misura in cui è interamente ordinato alla “perfetta glorificazione di Dio” (SC 5).

Celebrando da soli, i sacerdoti non avevano più davanti agli occhi il popolo cristiano, ma si sono resi conto che la celebrazione della Messa è sempre rivolta al Dio Trino. Hanno rivolto lo sguardo verso l’Oriente.

Perché “è dall’Oriente che viene la propiziazione. Da lì viene l’uomo che si chiama Oriente, che è diventato un mediatore tra Dio e gli uomini. Con questo siete quindi invitati a guardare sempre verso l’Oriente, dove sorge per voi il Sole di Giustizia, dove la luce appare sempre per voi”, ci dice Origene in un’omelia sul Levitico. La Messa non è un lungo discorso rivolto al popolo, ma una lode e una supplica rivolta a Dio.

La mentalità occidentale contemporanea, plasmata dalla tecnologia e affascinata dai media, ha talvolta voluto fare della liturgia un’efficace e proficua opera pedagogica. In questo spirito, si è cercato di rendere le celebrazioni conviviali e attraenti. Gli attori liturgici, animati da motivazioni pastorali, hanno talvolta voluto fare un’opera didattica introducendo elementi laici o spettacolari nelle celebrazioni. Non abbiamo visto fiorire testimonianze, messe in scena e altri applausi? In questo modo si ritiene che la partecipazione dei fedeli sia incoraggiata, ma in realtà la liturgia si riduce a un gioco umano. C’è il rischio reale di non lasciare spazio a Dio nelle nostre celebrazioni. Gestiamo la tentazione degli ebrei nel deserto. Hanno cercato di creare un culto che fosse degno di loro e al loro livello umano. Non dimentichiamo che hanno finito per prostrarsi davanti all’idolo del vitello d’oro che loro stessi avevano creato!

Attenzione alla logica dello spettacolo

Bisogna stare attenti: la moltiplicazione delle messe filmate potrebbe accentuare questa logica dello spettacolo, questa ricerca delle emozioni umane. Papa Francesco ha fortemente invitato i sacerdoti a non diventare uomini di spettacolo, maestri di spettacolo. Dio si è incarnato perché il mondo abbia vita: Dio non è venuto nella nostra carne per il piacere di impressionarci o di dare spettacolo di sé, ma per condividere con noi la pienezza della sua vita. Gesù, che è il Figlio del Dio vivente (Mt 16,16) e al quale il Padre ha dato la vita in se stesso (Gv 5,26) non è venuto solo per placare l’ira del Padre o per cancellare il debito. È venuto perché abbiamo la vita e l’abbiamo in abbondanza. E ci dà questa pienezza di vita morendo sulla croce. Ecco perché nel momento in cui il sacerdote, in vera identificazione con Cristo e con umiltà, celebra la Santa Messa, deve poter dire: “Sono crocifisso con Cristo”. Io vivo, ma non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me” (Gal 2,19-20). Deve scomparire dietro a Gesù Cristo e lasciare che Cristo sia in contatto diretto con il popolo cristiano. Il sacerdote deve quindi diventare uno strumento che lascia trasparire Cristo. Non deve cercare la simpatia dell’assemblea ponendosi davanti ad essa come suo principale interlocutore. Al contrario, entrare nello spirito del Concilio significa farsi da parte, rinunciare ad essere il punto focale. L’attenzione di tutti deve rivolgersi a Cristo, alla croce, vero centro di tutto il culto cristiano. Si tratta di lasciare che Cristo ci prenda e ci associ al suo sacrificio. La partecipazione al culto liturgico deve essere intesa come una grazia di Cristo “che associa la Chiesa” (SC 7). È lui che ha l’iniziativa e il primato. “La Chiesa lo invoca come suo Signore e passa sempre attraverso di lui per adorare l’eterno Padre” (SC 7).

Allo stesso modo, è necessario fare attenzione alle logiche di efficienza generate dall’uso di Internet. È consuetudine giudicare le pubblicazioni in base al numero di “visualizzazioni” che generano. Questo porta alla ricerca dell’imprevisto, dell’emozione, della sorpresa e del ronzio.

Il culto liturgico è estraneo a questa scala di valori. La liturgia ci mette davvero alla presenza della Trascendenza Divina. Parteciparvi nella verità suppone rinnovare in noi quello “stupore” che san Giovanni Paolo II teneva in grande stima (Ecclesia de Eucharistia, 6). Questo sacro stupore, questo stupore gioioso richiede il nostro silenzio davanti alla maestà divina. Spesso si dimentica che il silenzio sacro è uno dei mezzi che il Concilio indica per favorire la partecipazione. La partecipazione all’opera di Cristo implica quindi l’abbandono del mondo profano per entrare nell'”azione sacra per eccellenza” (SC 7). A volte affermiamo, con una certa arroganza, di rimanere nell’umano per entrare nel divino. Al contrario, abbiamo sperimentato nelle ultime settimane che per trovare Dio è stato utile lasciare le nostre case e andare da lui, nella sua sacra dimora: la chiesa.

La liturgia è una realtà fondamentalmente mistica e contemplativa, e quindi fuori dalla portata della nostra azione umana, per cui l’ingresso nella partecipazione al suo mistero è una grazia di Dio.

Una profonda sofferenza

Infine, vorrei insistere sulla realtà più sacra di tutte: la Santa Eucaristia. La privazione della comunione è stata una profonda sofferenza per molti fedeli. Lo so e voglio esprimere loro la mia profonda compassione. La loro sofferenza è proporzionale al loro desiderio. Noi ci crediamo: Dio non lascerà insoddisfatto questo suo desiderio. Va anche ricordato che nessun sacerdote deve sentirsi impedito di confessarsi e di dare la comunione ai fedeli in chiesa o nelle case private, con le necessarie precauzioni sanitarie. Ma la situazione di carestia eucaristica può portarci a una consapevolezza salutare. Non abbiamo forse dimenticato la sacralità dell’Eucaristia? Sentiamo storie di sacrilegi sconcertanti: di sacerdoti che avvolgono le ostie consacrate in sacchetti di plastica o di carta per permettere ai fedeli di usarli liberamente e portarli a casa, o di altri che distribuiscono la Santa Comunione osservando la giusta distanza e usando, per esempio, pinze per evitare il contagio. Quanto siamo lontani da Gesù che si è avvicinato ai lebbrosi e, allungando le mani, li ha toccati per guarirli, o da padre Damiano che ha dedicato la sua vita ai lebbrosi di Molokai (Hawaii). Questo modo di trattare Gesù come un oggetto inutile è una profanazione dell’Eucaristia. Non l’abbiamo spesso considerata una nostra proprietà? Tante volte abbiamo preso la comunione per abitudine e routine, senza preparazione o ringraziamento. La comunione non è un diritto, è una grazia gratuita che Dio ci offre. Questa volta ci ricorda che dovremmo tremare di gratitudine e cadere in ginocchio prima della Santa Comunione.

Qui vorrei ricordare le parole di Benedetto XVI: “Nel recente passato c’è stato un certo malinteso sull’autentico messaggio della Sacra Scrittura. La novità cristiana del culto è stata influenzata da una certa mentalità secolarizzata degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso. È vero, ed è ancora valido, che il centro del culto non è più nei riti e nei sacrifici antichi, ma in Cristo stesso, nella sua persona, nella sua vita, nel suo mistero pasquale. Eppure non si deve dedurre da questa novità fondamentale che il sacro non esiste più, ma che ha trovato il suo compimento in Gesù Cristo, Amore divino incarnato. (…) Egli non ha abolito il sacro, ma lo ha portato a compimento, inaugurando un nuovo culto che è pienamente spirituale, ma che, tuttavia, mentre siamo in cammino nel tempo, fa ancora uso di segni e riti, che scompariranno solo alla fine, nella Gerusalemme celeste, dove non ci sarà più il tempio (cfr Ap 21,22). Grazie a Cristo, il carattere sacro è più vero, più intenso e, come accade per i comandamenti, anche più esigente! “(Corpus Domini, 7 giugno 2012).

Quanto a noi sacerdoti, siamo sempre stati coscienti di essere separati, consacrati ad essere servi, ministri del culto dell’Altissimo Dio? Come afferma il profeta Ezechiele, viviamo senza avere su questa terra un’eredità diversa da quella di Dio stesso? Al contrario, molte volte siamo stati mondani. Abbiamo implorato per la popolarità, per il successo secondo gli standard del mondo. Anche noi abbiamo profanato il santuario del Signore. Alcuni di noi si sono spinti fino a profanare questo sacro tempio della presenza di Dio: il cuore e il corpo dei più deboli, dei bambini. Anche noi dobbiamo chiedere perdono, fare penitenza e riparare.

Il pericolo della barbarie

Una società che perde il senso del sacro rischia di regredire alla barbarie. Il senso della grandezza di Dio è il cuore di ogni civiltà. Infatti, se ogni uomo merita rispetto, è fondamentalmente perché è stato creato a immagine e somiglianza di Dio. La dignità dell’uomo è un’eco della trascendenza di Dio. Se non tremiamo più di timore gioioso e riverente davanti alla maestà divina, come riconosceremo in ogni persona un mistero degno di rispetto? Se non vogliamo più inginocchiarci umilmente e in segno di amore filiale davanti a Dio, come potremo inginocchiarci davanti all’eminente dignità di ogni persona umana, creata a immagine e somiglianza di Dio? Se non accettiamo più di inginocchiarci rispettosamente e in adorazione davanti alla presenza più umile, debole e insignificante, ma più reale e viva, che è la Santa Eucaristia, come esiteremmo a uccidere il nascituro, l’essere più debole e fragile, e a legalizzare l’aborto, che è un crimine orribile e barbaro? Perché ora conosciamo la verità, grazie al progresso della genetica fondamentale, che l’ha appena scientificamente stabilita in modo definitivo

Il feto umano è dal momento del concepimento un essere pienamente umano. Se perdiamo il senso dell’adorazione di Dio, i rapporti umani si coloreranno di volgarità e di aggressività. Più siamo deferenti a Dio nelle nostre chiese, più saremo sensibili e cortesi con i nostri fratelli per il resto della nostra vita.

Elogio pubblico e ringraziamento

Sarà quindi necessario che i pastori, non appena le condizioni di salute lo permetteranno, offrano al popolo cristiano la possibilità di adorare insieme e solennemente la maestà divina nel Santissimo Sacramento. Papa Francesco ce ne ha recentemente dato un esempio in Piazza San Pietro. Sarà necessario lodare e rendere grazie attraverso processioni pubbliche. Sarà un’opportunità per tutto il popolo di diventare un unico corpo e di sperimentare che la comunità cristiana nasce dall’altare del sacrificio eucaristico. Incoraggio, non appena possibile, manifestazioni di pietà popolare come il culto delle reliquie dei santi protettori delle città. È necessario che il popolo di Dio manifesti la sua fede in modo rituale e pubblico.

Diceva Benedetto XVI: “il sacro ha una funzione educativa e la sua scomparsa inevitabilmente impoverisce la cultura, soprattutto la formazione delle nuove generazioni. Se, per esempio, in nome di una fede secolarizzata che non ha più bisogno di segni sacri, la processione del Corpus Domini in città sarebbe abolita, il profilo spirituale di Roma sarebbe “appiattito” e la nostra coscienza personale e comunitaria sarebbe indebolita. Oppure pensiamo a una madre e a un padre che, in nome della fede desacralizzata, priverebbero i loro figli di tutti i riti religiosi: finirebbero infatti per lasciare aperto il campo a tanti sostituti presenti nella società dei consumi, ad altri riti e ad altri segni, che potrebbero più facilmente diventare idoli. Dio, nostro Padre, non ha agito in questo modo con l’umanità” (Corpus Domini, 2012).

Queste manifestazioni saranno l’occasione per insistere sul valore della supplica, dell’intercessione, della riparazione delle offese a Dio e della propiziazione del culto cristiano. Sarebbe una fortuna che, ove possibile, venissero riproposte le processioni di supplica, comprese le litanie dei Santi. Infine, vorrei insistere sulla preghiera per i morti. In molti paesi, i defunti hanno dovuto essere sepolti senza un funerale adeguato. Dobbiamo rimediare a questa ingiustizia. Inoltre, vorrei qui deplorare alcune pratiche recenti che incoraggiano lo sviluppo di nuovi modi di smaltimento dei resti mortali, tra cui l’idrolisi alcalina, in cui il corpo del defunto viene posto in un cilindro metallico e sciolto in un bagno chimico che lascia solo pochi frammenti ossei simili a quelli risultanti dalla cremazione. L’effluente viene poi scaricato nelle fogne. Il processo di idrolisi alcalina non mostra il rispetto della dignità del corpo umano che corrisponde a quella proclamata dalla legge della Chiesa. Ma anche se non abbiamo fede, è assolutamente disumano, crudele e irrispettoso trattare in questo modo le persone che amiamo e che abbiamo amato così teneramente. “Non sapete che siete un tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se qualcuno distrugge il tempio di Dio, Dio lo distrugge. Poiché il tempio di Dio è santo, e quel tempio siete voi” (1 Corinzi 3:16-17; 6:19). Per pietà filiale, dobbiamo circondare tutti i morti con un’ardente preghiera di intercessione per la salvezza delle loro anime. Incoraggio i pastori a celebrare messe solenni per i defunti. È una fortuna in questi casi che, secondo le consuetudini di ogni luogo, alla Messa segua uno scarico celebrato alla presenza di una rappresentazione simbolica del defunto (Tumulum, catafalco), e una processione al cimitero con la benedizione delle tombe. Così la Chiesa, come una vera madre, si prenderà cura di tutti i suoi figli, vivi e morti, e presenterà a Dio, in nome di tutti, un culto di adorazione, di ringraziamento, di propiziazione e di intercessione.

Il grande tesoro della Chiesa

Infatti, “la Tradizione ricevuta dagli Apostoli comprende tutto ciò che contribuisce alla santa guida della vita del popolo di Dio e all’incremento della sua fede; così la Chiesa perpetua nella sua dottrina, nella sua vita e nel suo culto, e trasmette ad ogni generazione tutto ciò che essa stessa è e tutto ciò in cui crede”, dice il Concilio Vaticano II (Dei Verbum, 8). Il culto divino è il grande tesoro della Chiesa. Non può tenerlo nascosto; vi invita tutti gli uomini perché sa che in esso si raccoglie “tutta la preghiera umana, tutto il desiderio umano, tutta la vera devozione umana, la vera ricerca di Dio, che finalmente si realizza in Cristo”. (“Benedetto XVI, incontro con il clero di Roma, 2 marzo 2010).

Ripeto a tutti voi la mia profonda compassione in questi tempi di prova. Rinnovo il mio incoraggiamento fraterno ai sacerdoti che si dedicano anima e corpo e soffrono per non poter fare di più per il loro gregge. Insieme ci rendiamo conto che la comunione dei santi non è una parola vuota. Insieme, presto, renderemo di nuovo agli occhi di tutti il culto che appartiene a Dio e che fa di noi il suo popolo.

Robert, cardinale Sarah

Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti



Categorie:Attualità cattolica, Liturgia e Sacra scrittura, Simon de Cyrène

Tag:, , , ,

5 replies

  1. Che dire? NULLA!
    Leggere, meditare, e fare proprio, perché non vi è solo santissimo rigore, ma anche illuminato equilibrio nella disanima concreta e spirituale dell’accaduto, con la proccupazione che non abbia ad accader ciò che non deve.
    Personalmente sono confortato e confermato in quella che è un po’ la premessa della corposa esposizione (portata giustamente da @Simon in neretto):
    «Di conseguenza, ogni celebrazione liturgica, come opera di Cristo Sacerdote e del suo Corpo che è la Chiesa, è l’azione sacra per eccellenza, la cui efficacia nessun’altra azione della Chiesa può raggiungere nello stesso modo e nella stessa misura” (Sacrosanctum Concilium 7).
    …..
    Così, ogni volta che un sacerdote celebra la Messa o la Liturgia delle Ore, anche se è solo, offre il culto pubblico e ufficiale della Chiesa in unione con il suo Capo, Cristo, e a nome di tutto il Corpo.»

    "Mi piace"

  2. Leggere questo scritto del card. R. Sarah è stato, per me, veramente impagabile per il mio essere cattolico.

    Oggi, purtroppo, molti liturgisti sembrano vedere di buon occhio quanto invece condannava Pio XII nella sua « Mediator Dei »:
    « Vi sono difatti, ai nostri giorni, alcuni che, avvicinandosi ad errori già condannati, insegnano che nel Nuovo Testamento si conosce soltanto un sacerdozio che spetta a tutti i battezzati, e che il precetto dato da Gesù agli Apostoli nell’ultima cena di fare ciò che Egli aveva fatto, si riferisce direttamente a tutta la Chiesa dei cristiani, e, soltanto in seguito, è sottentrato il sacerdozio gerarchico. Sostengono, perciò, che solo il popolo gode di una vera potestà sacerdotale, mentre il sacerdote agisce unicamente per ufficio concessogli dalla comunità. Essi ritengono, in conseguenza, che il Sacrificio Eucaristico è una vera e propria «concelebrazione» e che è meglio che i sacerdoti «concelebrino» insieme col popolo presente piuttosto che, nell’assenza di esso, offrano privatamente il Sacrificio…
    Ricordiamo solamente che il sacerdote fa le veci del popolo perché rappresenta la persona di Nostro Signore Gesù Cristo in quanto Egli è Capo di tutte le membra ed offrì se stesso per esse: perciò va all’altare come ministro di Cristo, a Lui inferiore, ma superiore al popolo. Il popolo invece, non rappresentando per nessun motivo la persona del Divin Redentore, né essendo mediatore tra sé e Dio, non può in nessun modo godere di poteri sacerdotali. »

    Purtroppo, voci di corridoio, danno uno degli « alcuni che » citati dal Papa, già scelto per sostituire il card.Sarah quando, il 15 giugno, compirà gli anni… speriamo le voci di corridoio rimangano voci…

    "Mi piace"

    • il Card. Sarah va controcorrente, troppo controcorrente rispetto agli orientamenti di oggi.per questo è da tempo bollato come tradizionalista, nemico di Francesco, ed emarginato. E infatti è sicuro che allo scoccare dei 75 anni sarà sostituito . si è fatto già anche il nome del sostituto , un discepolo di un discepolo di Bugnini.
      Si dice anche che verrà abrogato il Summorum Pontificum,( dopo la morte di BenedettoXVI) e che non sarà più permesso celebrare secondo il Rito straordinario in lingua latina ..
      Se questo testo di Sarah postato da Simon ci vuol far piangere calde lacrime su come è stato emarginato un sant’uomo e invece cinghialoni sono stati promossi a devastare la Vigna del Signore, c’è riusciuto. Certo per i nostri peccati, per la nostra poca fede, siamo puniti. Piangiamo calde lacrime e facciamo penitenza.cjhe il Signore ci mandi nel futuro, anche se noi non ci saremo più, pastori santi e soprattutto credenti.

      "Mi piace"

    • Ragazzi,

      godiamoci oggi il testo che lo Spirito Santo ci ha regalato tramite la meditazione di un cardinale, vero uomo spirituale, cattolico e di preghiera intensa.

      Smettiamola di riferirci a quel che accadrà, perché non se sappiamo nulla: se questo vi sconvolge e non vi da pace è perché questo viene dal maligno.

      Leggere questo testo dà Pace : è di Cristo.

      Il futuro nessuno lo scrive, è radicalmente imprevedibile: nessuno sà neanche chi sarà vivo quando Sarah avrà 75 anni.

      Il cristiano vede nelle avversità, compresa quell’attuale (nella quale vediamo un papato particolarmente scadente a tutti i livelli che contano senza eccezione alcuna, che non ha esitato a proporre atti di idolatria apostatica al gregge di cui è è in carica, etc , etc) un’occasione magnifica di fare la scelta di Cristo, una Croce sulla quale stendersi e se ne rallegra pure, nella misura in cui non ne è la causa, perché il suo Signore lo ha giudicato degno di questo martirio: non c’è NESSUNA ragione di desolarsi, di esserne inaciditi.

      In Pace

      Piace a 1 persona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: